CAMMINANDO.ORG
VIVERE L’AMBIENTE
TELETIRRENO ON LINE
teletirrenoelba news
Ultimi argomenti
» IL POLPO PALLA
Mar Ago 28, 2012 4:01 pm Da Visir

» 1 marzo 2012: la gita a Montecristo
Mer Mar 07, 2012 1:52 am Da Visir

» Giglio: la tragedia della Concordia e le AMP
Mer Feb 01, 2012 2:55 am Da Visir

» Derattizzazione, sopralluoghi ed altro: ritorno a Montecristo
Ven Gen 27, 2012 12:25 pm Da Visir

» Tirrenia-Toremar:indagine europea sul contributo per le isole italiane
Ven Ott 21, 2011 1:32 pm Da Gimmi Ori

» Progetto unico di smantellamento dell'Elba,parte prima: Sanità
Lun Ott 17, 2011 4:32 pm Da Gimmi Ori

» i successi della Regione Toscana per l'Elba daranno il giusto compenso
Mar Set 13, 2011 11:16 am Da Gimmi Ori

» Perchè il Sindaco ha fatto riempire i depositi e non il gestore Asa?
Lun Ago 15, 2011 6:32 pm Da Gimmi Ori

» CONTINUITA' TERRITORIALE,COSA FA' LA NOSTRA REGIONE PER NOI?
Ven Ago 12, 2011 11:08 pm Da Gimmi Ori

» LebarrierediMarchetti,mala bomba all'Elba è giàscoppiata,manca l'acqua
Ven Ago 12, 2011 7:32 pm Da Gimmi Ori

» Traghetti Elba,Toremar-Moby Onorato,Blunavy Morace,concorrenza?
Gio Ago 11, 2011 12:47 am Da Gimmi Ori

» Divide et impera,acqua all'Elba,ennesimo fallimento Regione Toscana!
Mer Ago 10, 2011 11:10 am Da Gimmi Ori

» Traghetti Elba: l'assistenza ai turisti al porto di Piombino
Mer Ago 03, 2011 3:03 pm Da Gimmi Ori

» Elba, domani 31.07.2011, non c'e posto sulle navi ?
Sab Lug 30, 2011 11:02 pm Da Gimmi Ori

» Alla Procura,Toremar:disposizioni dell'Antitrust frutto di una truffa?
Lun Lug 25, 2011 10:56 am Da Gimmi Ori

» Toremar,Antitrust:l'ennesimo successo della Regione Toscana e dell'APP
Dom Lug 24, 2011 9:34 pm Da Gimmi Ori

» Toremar-Moby: suggellato l'ennesimo successo della Regione Toscana!
Sab Lug 23, 2011 11:06 am Da Gimmi Ori

» CGIL-Sig.Salza,Monopolio Toremar-Moby e i rischi per i lavoratori
Mar Lug 19, 2011 3:11 pm Da Gimmi Ori

» Toremar: al Tar "sembra", tutto come previsto e torna l'Oglasa ....
Ven Lug 15, 2011 3:42 pm Da Gimmi Ori

» Toremar,esaltata la sinergia messa in campo dalla Regione,caroCeccobao
Gio Lug 14, 2011 3:20 pm Da Gimmi Ori

Gennaio 2017
LunMarMerGioVenSabDom
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

Calendario Calendario

ELBA METEO
YOU TUBE
WIKIPEDIA
Sondaggio
counter

Impatti pesca

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Impatti pesca

Messaggio  Genio delle Coti il Ven Set 05, 2008 5:17 pm

Interessante il resoconto di Mamez, mi sa che che cambio zona di pesca (in realtà prima dovrei cambiare città e vita...).
Potremmo utilizzare questo spazio anche per capire quali sono le attività di pesca più impattanti intorno all'isola.
Uno degli argomenti contro le AMP è che queste hanno una bassa incidenza sui limiti alla pesca professionale più distruttiva, mentre si accaniscono sulla pesca sportiva (che in realtà ha un impatto irrisorio e già regole stringenti da rispettare), ed in particolare sulla pesca in apnea, di fatto l'unica pesca esclusa completamente dalle AMP italiane.
Ora, sarebbe importante, capire nel nostro piccolo, quali tipi di pesca sono ritenuti più distruttivi per il mare Elbano e rapportare poi questi dati con i criteri di zonazione generali delle AMP. Ad esempio, Mamez parla di presenza massiccia di pescherecci sotto costa, io ho citato le nasse per i polpi di cui sono a conoscenza solo per sentito dire. Ci vorrebbero però dati più precisi e dettagliati che io non saprei come ricavare. Magari qualcuno può dire la sua.
Sarebbe molto interessante raccogliere queste info su un bel dossier....

Saluti da Li Patresi vicino al GRA

Genio delle Coti

Messaggi : 15
Data d'iscrizione : 20.08.08
Località : Patresi

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Impatti pesca

Messaggio  Visir il Ven Set 05, 2008 7:23 pm

Caro Genio, per un resoconto completo, almeno sulla zona sud-occidentale, non avrei problemi... modestamente, pesci, pesca professionale e sportiva sono il mio pane...
Salvo qualche inevitabile omissione: già mi cercano per querelarmi da tutte le parti, se dicessi tutto quello che è, e che tutti sanno..... Very Happy

Quindi, limitiamoci ad alcune basi indiscutibili:
la pesca sportiva è relativamente impattante.
Dovrebbe essere totalmente rivista una legge che ha 40 anni, e li dimostra, e poi andrebbero fatti i controlli. Personalmente, sono assolutamente favorevole ad una licenza di pesca per tutti, di superficie e sub, valida in tutta Italia, a prezzo popolare ed esente per vecchi bimbi e indigenti.
Fai domanda, paghi i tuoi 10/20 euri annui, con i quali si provvede a stampare un manuale con le leggi da rispettare, e all'invio a casa di eventuali aggiornamenti.
Cartellonistica, guardiapesca e monitoraggio biologico, come avviene nelle acque interne.
In fondo, io pesco un pesce che è anche tuo, e quindi ci sta che paghi un contributo per la salvaguardia e il controllo.

Alla base di tutto, al contrario delle solite AMP, il fatto che sia una legge NAZIONALE, in modo da non privilegiare un posto all'altro.

Per i sub, sarebbe giusto integrare la licenza con un minimo di assicurazione, come in Francia, e secondo me, anche se con i dovuti tempi tecnici, non sarebbe sbagliato un minimo di "esame": ma questo lo lascio dire a chi se ne intende di più, io ho smesso di sparare da 20 anni...

Pesca professionale: leggi incasinatissime, zero controlli, multe ridicole per i grossi pescecani e assurde per violazioni insignificanti....

Troppe barche, troppe reti, troppe nasse.... nessuna gestione delle risorse.
Giochini accalappia fondi europei da spartirsi fra "gli amici".

I pescatori vanno legati al territorio. E l'unico modo possibile per garantire continuità.

Fermi pesca: nel 90% dei casi, si pescano i pesci durante i periodi riproduttivi...
Basterebbe chiudere certe pesche per la metà iniziale del montone, per garantirsi stock abbondanti negli anni successivi. A Campo, tre anni fa, hanno scoperto che a gennaio si pigliavano le sogliole. 20 barche armate con almeno 5.000 metri di reti apposite ognuna.
Quintali e quintali di 'ste sogliole....
Risultato: da due anni, non ce ne sono più. Finite.

Si parla sempre di "riforme", e invece si aggiungono solo leggi su leggi, in modo che non ci si capisca un beato c@zz@....

Alla prossima, parleremo di paranze.


_________________
Che cosa c'é da aspettarsi da chi come me non sa adeguarsi a sette, mafiette, etichette? Mi piace sapermi diverso, piacere perverso che riverso in versi su fogli sparsi, nei capoversi dei giorni persi nei miei rimorsi. Godo se penso all'amaro che mastica chi pronostica la fine della mia vitalità..

Visir
Admin

Messaggi : 323
Data d'iscrizione : 31.07.08
Età : 52
Località : Marina di Campo

Vedere il profilo dell'utente http://laltroparco.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Più pesce per tutti

Messaggio  Genio delle Coti il Sab Set 06, 2008 4:46 pm

In Italia non esiste il concetto di bene pubblico, e quindi anche le risorse ittiche sono lasciate alla rapacità di questa o quella categoria. Poi a far da contraltare alla mancanza di gestione, pianificazione e controllo, si sono individuate le AMP come panacea di tutti i mali, piccoli centri di potere, contentini per il variegato mondo ambientalista ufficiale e per la coscienza del popolo bue. Per questo mi fanno incazzare i luoghi comuni sulle AMP come quello secondo il quale dentro esse non sarebbe possibile inquinare ! E nel resto del mare liberi di smerdare ? Dentro una zona A non si può fare il bagno ma appena fuori (se va bene) possono passare flotte di strascicanti a scavare sentieri sul fondale. In questi anni, il ministero delle politiche agricole ha lasciato mano libera alla pesca professionale cercando tra l'altro di andare in deroga alle regole UE (spadare, strascico..), mentre il dirimpettaio ministro del ministero si consolava con le AMP secondo quello che sembrerebbe un tacito accordo.

Detto questo sul permessino non posso che essere scettico, un'altra tassa il cui ricavato non servirà di certo ad una migliore gestione delle risorse. Sull'esame per i pescasub idem, sarebbe meglio farla ai tanti natanti della domenica che ti passano sopra il groppone attirati dai colori sgargianti della tua boa segnasub ! L'unico motivo valido sarebbe quello di mettere in guardia i giovani che iniziano a pescare sui pericoli di tale disciplina.
Io poi come al solito ho una teoria genial-utopistica sulla pesca così detta sportiva, dovremmo tutti procurarci il pesce da soli o al massimo barattarlo con il vicino pescatore, ci vorrebbe una campagna governativa con slogan come 'tutti al mare a pescare' (con il famoso motivetto romanesco). E programmi televisi del tipo 'totanare oggi'.

Ma lasciamo stare le cazzate, concordiamo sicuramente sulla questione pesca professionale, ad esempio il fermo biologico porterebbe sicuramente a maggiori risultati rispetto a 1000 AMP (ci vuole poco, direte voi: 1000 x 0 = 0 !!). Le regole di pesca dovrebbero esere dinamiche e dipendenti dal contesto (territoriale, stagionale, per specie ittica e tipologia di pesca...) e ciò richiederebbe un monitoraggio continuo del mare. La pesca più distruttiva vietata ovunque e comunque. Ci vorrebbe un telegironale apposta per comunicare alla popolazione i risultati di tale monitoraggio (ad esempio: pochi totani alla sena di Patresi, che fare ?). In questo nuovo mondo le AMP allora sarebbero le piccole riserve integrali (niente pesca) e non integraliste (posti da vivere) secondo il famoso modello scoglietto.

Torniamo al mondo reale, aspetto con interesse il resoconto sulle paranze del grande Visir. Magari con ghiotti riferimenti alla realtà Elbana (niente nomi e cognomi per carità).

Saluti

Genio delle Coti

Messaggi : 15
Data d'iscrizione : 20.08.08
Località : Patresi

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Impatti pesca

Messaggio  Contenuto sponsorizzato Oggi a 11:51 pm


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum