CAMMINANDO.ORG
VIVERE L’AMBIENTE
TELETIRRENO ON LINE
teletirrenoelba news
Ultimi argomenti
» IL POLPO PALLA
Mar Ago 28, 2012 4:01 pm Da Visir

» 1 marzo 2012: la gita a Montecristo
Mer Mar 07, 2012 1:52 am Da Visir

» Giglio: la tragedia della Concordia e le AMP
Mer Feb 01, 2012 2:55 am Da Visir

» Derattizzazione, sopralluoghi ed altro: ritorno a Montecristo
Ven Gen 27, 2012 12:25 pm Da Visir

» Tirrenia-Toremar:indagine europea sul contributo per le isole italiane
Ven Ott 21, 2011 1:32 pm Da Gimmi Ori

» Progetto unico di smantellamento dell'Elba,parte prima: Sanità
Lun Ott 17, 2011 4:32 pm Da Gimmi Ori

» i successi della Regione Toscana per l'Elba daranno il giusto compenso
Mar Set 13, 2011 11:16 am Da Gimmi Ori

» Perchè il Sindaco ha fatto riempire i depositi e non il gestore Asa?
Lun Ago 15, 2011 6:32 pm Da Gimmi Ori

» CONTINUITA' TERRITORIALE,COSA FA' LA NOSTRA REGIONE PER NOI?
Ven Ago 12, 2011 11:08 pm Da Gimmi Ori

» LebarrierediMarchetti,mala bomba all'Elba è giàscoppiata,manca l'acqua
Ven Ago 12, 2011 7:32 pm Da Gimmi Ori

» Traghetti Elba,Toremar-Moby Onorato,Blunavy Morace,concorrenza?
Gio Ago 11, 2011 12:47 am Da Gimmi Ori

» Divide et impera,acqua all'Elba,ennesimo fallimento Regione Toscana!
Mer Ago 10, 2011 11:10 am Da Gimmi Ori

» Traghetti Elba: l'assistenza ai turisti al porto di Piombino
Mer Ago 03, 2011 3:03 pm Da Gimmi Ori

» Elba, domani 31.07.2011, non c'e posto sulle navi ?
Sab Lug 30, 2011 11:02 pm Da Gimmi Ori

» Alla Procura,Toremar:disposizioni dell'Antitrust frutto di una truffa?
Lun Lug 25, 2011 10:56 am Da Gimmi Ori

» Toremar,Antitrust:l'ennesimo successo della Regione Toscana e dell'APP
Dom Lug 24, 2011 9:34 pm Da Gimmi Ori

» Toremar-Moby: suggellato l'ennesimo successo della Regione Toscana!
Sab Lug 23, 2011 11:06 am Da Gimmi Ori

» CGIL-Sig.Salza,Monopolio Toremar-Moby e i rischi per i lavoratori
Mar Lug 19, 2011 3:11 pm Da Gimmi Ori

» Toremar: al Tar "sembra", tutto come previsto e torna l'Oglasa ....
Ven Lug 15, 2011 3:42 pm Da Gimmi Ori

» Toremar,esaltata la sinergia messa in campo dalla Regione,caroCeccobao
Gio Lug 14, 2011 3:20 pm Da Gimmi Ori

Gennaio 2017
LunMarMerGioVenSabDom
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

Calendario Calendario

ELBA METEO
YOU TUBE
WIKIPEDIA
Sondaggio
counter

MONTECRISTO Interrogativo storico su Puccini

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

MONTECRISTO Interrogativo storico su Puccini

Messaggio  rsuno il Ven Set 12, 2008 2:19 pm

Puccini a Montecristo, leggenda o realtà?

In questo periodo di festeggiamenti per il 150° anniversario della nascita di Giacomo Puccini continua la diatriba dei pucciniani, con riferimento alla presenza del Maestro sull’isola di Montecristo.
Il grande compositore amico del marchese Carlo Ginori e amante della natura e del mare come pure della caccia, c’è stato o non c’è stato a Montecristo?
Opinioni diverse, spesso irrazionali e talvolta addirittura passionali, si sono combattute e ancora combattono per affermare la propria verità.
I fautori del “no” fanno riferimento ad una sua cartolina postale inviata nell’Ottocento ad un amico in cui afferma:
“Carissimo Paladini, dovevo andare a Montecristo un tempo. Mi imbarcai con Ginori sull’Urania, ma … un’avaria alla macchina e un libeccio sferrato c’impedirono di salpare e fu rimessa la gita alla quale prese parte il Principe di Napoli e io non potei essere del numero perché occupato a Torino per l’andata in scena della Bohème. Questa è la verità. I giornali hanno detto di me a Montecristo, ma io non ci fui mai. Così è e ti saluto. Giacomo”
Queste parole sembrano avvalorare la loro tesi e che ogni affermazione contraria è pura fantasia.
Altri ancora sono convinti dell’opposto e persistono alla ricerca del “si” assoluto, fuori di ogni dubbio.
Si legge spesso su libri e giornali che Puccini visitò più volte Montecristo. Assieme a Carlo Ginori e il figlio Renzo in compagnia del marchese Carlo Ridolfi, il conte Giovanni Fabbroni, Piero degli Antinori, Paolo Ruscelli, Eugenio Piccolini, Renato Fucini e l’abate don Luigi Randi passò ore liete e piacevoli sull’isola. Gli ospiti erano tutti buoni cacciatori. Da Cala Maestra spesso si incamminavano per i viottoli verso il Belvedere e altre colline coperte di lecci cercando soprattutto le capre selvatiche. Il monte Fortezza e il Monastero li guardavano maestosamente dall’alto. Il profumo di rosmarino inebriava il loro cammino e rendeva sicuro il passo..
Alcuni ricercatori dell’Associazione Amici di Montecristo hanno approfondito l’argomento e hanno trovato presenze di Puccini sull’isola allorché si parla di Carlo Ginori e dei suoi ospiti a Montecristo. Fra questi si trovava anche il Principe di Napoli, futuro regnante e padrone dell’isola.“Carlo Ginori invitava nell’isola i suoi amici e la caccia durava una settimana. Tra i suoi ospiti ricordiamo il sindaco di Bologna, Beppe Tanari, Ludovico e Piero Antinori (titolari di famose cantine), Renato Fucini (il celebre bozzettista toscano), il musicista Giacomo Puccini, il pittore Tito Conti, Ferdinando Martini (l’uomo politico di Monsummano). Le allegre brigate partivano da Livorno con lo yacht Urania e sbarcavano a Cala Maestra. Uno di quei viaggi stimolò la vena di Fucini che improvvisò i seguenti versi : Con tutti i venti, navigar è sempre da imprudenti. Vento a ponente, chi salpa dalla riva se ne pente. Il buon nocchier, con lo scirocco fresco, pensa ai suoi cari e si trattiene al desco.
Queste parole non sono in contrasto con le prime poiché si riferiscono sicuramente ad un periodo successivo.
E’ quindi verosimile, se non certo, che Puccini sia stato a caccia sull’isola di Montecristo.
Il fascino di Montecristo con la sua atmosfera di mistero fortificato dalla passione per la natura selvaggia, alla ricerca della preda da abbattere, stimolava la fantasia di Puccini che riusciva a esprimere la sua poetica creativa attraverso la musica. I momenti più meravigliosi delle sue opere mostrano tutta la bellezza del creato con l’affermazione dei valori migliori. I suoi più profondi sentimenti sublimati dalla profonda sensibilità umana e dalla grande vena poetica lo fanno vivere spesso in un mondo affascinante dove l’armonia delle note gli va rivivere le emozioni della realtà . Le esperienze di vita a Montecristo e la profonda amicizia per Carlo Ginori ispirarono sicuramente il Maestro durante le sue ore notturne al piano portandolo lontano dalla vita borghese verso l’eccellenza della melodia.

Raffaele Sandolo
Isola d’Elba
elbasun@infol.it


rsuno

Messaggi : 3
Data d'iscrizione : 12.09.08

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum