CAMMINANDO.ORG
VIVERE L’AMBIENTE
TELETIRRENO ON LINE
teletirrenoelba news
Ultimi argomenti
» IL POLPO PALLA
Mar Ago 28, 2012 4:01 pm Da Visir

» 1 marzo 2012: la gita a Montecristo
Mer Mar 07, 2012 1:52 am Da Visir

» Giglio: la tragedia della Concordia e le AMP
Mer Feb 01, 2012 2:55 am Da Visir

» Derattizzazione, sopralluoghi ed altro: ritorno a Montecristo
Ven Gen 27, 2012 12:25 pm Da Visir

» Tirrenia-Toremar:indagine europea sul contributo per le isole italiane
Ven Ott 21, 2011 1:32 pm Da Gimmi Ori

» Progetto unico di smantellamento dell'Elba,parte prima: Sanità
Lun Ott 17, 2011 4:32 pm Da Gimmi Ori

» i successi della Regione Toscana per l'Elba daranno il giusto compenso
Mar Set 13, 2011 11:16 am Da Gimmi Ori

» Perchè il Sindaco ha fatto riempire i depositi e non il gestore Asa?
Lun Ago 15, 2011 6:32 pm Da Gimmi Ori

» CONTINUITA' TERRITORIALE,COSA FA' LA NOSTRA REGIONE PER NOI?
Ven Ago 12, 2011 11:08 pm Da Gimmi Ori

» LebarrierediMarchetti,mala bomba all'Elba è giàscoppiata,manca l'acqua
Ven Ago 12, 2011 7:32 pm Da Gimmi Ori

» Traghetti Elba,Toremar-Moby Onorato,Blunavy Morace,concorrenza?
Gio Ago 11, 2011 12:47 am Da Gimmi Ori

» Divide et impera,acqua all'Elba,ennesimo fallimento Regione Toscana!
Mer Ago 10, 2011 11:10 am Da Gimmi Ori

» Traghetti Elba: l'assistenza ai turisti al porto di Piombino
Mer Ago 03, 2011 3:03 pm Da Gimmi Ori

» Elba, domani 31.07.2011, non c'e posto sulle navi ?
Sab Lug 30, 2011 11:02 pm Da Gimmi Ori

» Alla Procura,Toremar:disposizioni dell'Antitrust frutto di una truffa?
Lun Lug 25, 2011 10:56 am Da Gimmi Ori

» Toremar,Antitrust:l'ennesimo successo della Regione Toscana e dell'APP
Dom Lug 24, 2011 9:34 pm Da Gimmi Ori

» Toremar-Moby: suggellato l'ennesimo successo della Regione Toscana!
Sab Lug 23, 2011 11:06 am Da Gimmi Ori

» CGIL-Sig.Salza,Monopolio Toremar-Moby e i rischi per i lavoratori
Mar Lug 19, 2011 3:11 pm Da Gimmi Ori

» Toremar: al Tar "sembra", tutto come previsto e torna l'Oglasa ....
Ven Lug 15, 2011 3:42 pm Da Gimmi Ori

» Toremar,esaltata la sinergia messa in campo dalla Regione,caroCeccobao
Gio Lug 14, 2011 3:20 pm Da Gimmi Ori

Agosto 2017
LunMarMerGioVenSabDom
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

Calendario Calendario

ELBA METEO
YOU TUBE
WIKIPEDIA
Sondaggio
counter

Marciana Marina: i lumini del Cotone

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Marciana Marina: i lumini del Cotone

Messaggio  Visir il Mar Nov 04, 2008 12:15 pm

"Forse Santa Chiara avrebbe preferito una semplice preghiera...."

video da youtube.com, originale da Teletirrenoelba.
Di Fabrizio Prianti


_________________
Che cosa c'é da aspettarsi da chi come me non sa adeguarsi a sette, mafiette, etichette? Mi piace sapermi diverso, piacere perverso che riverso in versi su fogli sparsi, nei capoversi dei giorni persi nei miei rimorsi. Godo se penso all'amaro che mastica chi pronostica la fine della mia vitalità..
avatar
Visir
Admin

Messaggi : 323
Data d'iscrizione : 31.07.08
Età : 53
Località : Marina di Campo

Vedi il profilo dell'utente http://laltroparco.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Marciana Marina: i lumini del Cotone

Messaggio  Visir il Mar Nov 04, 2008 12:18 pm

da Camminando.com, di Michelangelo Zecchini

MARCIANA MARINA : IL COTONE DI CEMENTO E DI CERA

Erano anni che desideravo documentare quanto è stato deturpato quello che da molti - a buon diritto - viene definito un angolo di paradiso, cioè il borgo del Cotone a Marciana Marina. Ci sono riuscito nello scorso mese di ottobre, quando ho fatto una scappata all’Elba durante una breve pausa del mio lavoro sottoterra. Per inciso, faccio i debiti scongiuri per prevenire chi non sarebbe dispiaciuto ( le anime pie non mancano mai ) se nel mondo ctonio rimanessi molto più a lungo.
Ho scattato centinaia di fotografie, ho eseguito rilievi, ho raccolto ogni informazione utile per elaborare uno studio da pubblicare su una rivista scientifica. L’assunto, neanche troppo ostico, era quello di dimostrare quanto sia facile, per insensibilità o per i motivi più disparati, arrecare gravi danni a un tessuto paesaggistico di grande valenza.
Anche se non era mia intenzione diffondere i dati a livello locale, devo tuttavia riconoscere che Fabrizio Prianti mi ha preceduto, con le telecamere di ‘Vivere l'ambiente’ , mediante un ‘pezzo’ di notevole professionalità, sia per quanto attiene alle immagini sia per il commento, che è limpido, penetrante e incisivo.
L’intervento di Prianti è un pungolo a non tacere, anzi a levare alto un grido di protesta contro coloro - committenti e artefici - che hanno accumulato degrado in quel golfetto da eden. Uno dei principali elementi costitutivi dell’irripetibile scenario del Cotone è lo sperone granodioritico rosato, che l’azione erosiva millenaria di mare e vento ha di volta in volta modellato a mo’ di creste e di funghi vacuolati. Altre tipiche foggiature di madre natura sono verso sud – o piuttosto erano - gli affioramenti di scoglietti neri, in continuità cromatica con lo scalo/spiaggetta color marrone. La mano dell’uomo, a partire dalla seconda metà del XVI secolo, ha impreziosito quegli elementi naturali con edifici dalla struttura armonica, per niente in antitesi con l’ambiente circostante. Si tratta, insomma, di un autentico tesoro che tutti – amministratori in primis – dovrebbero rispettare, ammirare, proteggere.
Prianti ha dimostrato che così non è stato. L’intera formazione granodioritica è lordata da decine e decine di multiformi chiazze nere, composte di cera e di sporco stratificato, che ne rompono gradazione cromatica e fascino. Migliaia dei caratteristici vacuoli sono otturati da colate di cera, tanto coprente che alcuni pinnacoli a nido d’ape, una volta spettacolari, oggi si presentano come una massa amorfa, untuosa e liscia. E non è da trascurare il danno, irreversibile, causato dai falò ripetutamente accesi sia sulla ‘punta’ sia in prossimità della ‘pianata’ : per effetto termoclastico, infatti, gli storici ‘rochers de la Santé’ in alcune zone sono letteralmente ‘scoppiati’ e, con il distacco di scheggioni di varie dimensioni, si è modificato il profilo d’insieme.
E che dire del piccolo scalo, parzialmente scavato nella roccia dai nostri avi, in cui venivano tirati in secca gozzetti e ‘sciapichelli’ lignei ? Esso è stato completamente ‘modernizzato’, con efficienza degna di miglior causa: pavimento e pareti naturali sono stati sostituiti con una sconcertante, quanto inutile, platea di cemento industriale, che ingloba anche parte degli scogli neri e che, soprattutto sui margini meridionale e occidentale, è sottolineata da ripiani a forma di sarcofagi cementizi, forse costruiti inconsciamente per intonare il “De profundis” alla bellezza del sito.
La storia dei lumini di cera, per così dire ‘a perdere’, ha attraversato - com’ è noto - parecchi mandati amministrativi fino al provvidenziale stop imposto nel 2008, sua sponte, dal sindaco Ciumei. Non si sa, al contrario, a chi debba essere attribuita la cementificazione dello scalo del Cotone. Per curiosità, probabilmente non solo mia, sarebbe possibile venirne a conoscenza ? Lo chiedo - sperando che mi rispondano - all’Amministrazione attuale, a Legambiente, alla Lista Civica e a Sinistra Democratica, attente da sempre al destino dei beni culturali e paesaggistici del territorio.


Michelangelo Zecchini

_________________
Che cosa c'é da aspettarsi da chi come me non sa adeguarsi a sette, mafiette, etichette? Mi piace sapermi diverso, piacere perverso che riverso in versi su fogli sparsi, nei capoversi dei giorni persi nei miei rimorsi. Godo se penso all'amaro che mastica chi pronostica la fine della mia vitalità..
avatar
Visir
Admin

Messaggi : 323
Data d'iscrizione : 31.07.08
Età : 53
Località : Marina di Campo

Vedi il profilo dell'utente http://laltroparco.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum