CAMMINANDO.ORG
VIVERE L’AMBIENTE
TELETIRRENO ON LINE
teletirrenoelba news
Ultimi argomenti
» IL POLPO PALLA
Mar Ago 28, 2012 4:01 pm Da Visir

» 1 marzo 2012: la gita a Montecristo
Mer Mar 07, 2012 1:52 am Da Visir

» Giglio: la tragedia della Concordia e le AMP
Mer Feb 01, 2012 2:55 am Da Visir

» Derattizzazione, sopralluoghi ed altro: ritorno a Montecristo
Ven Gen 27, 2012 12:25 pm Da Visir

» Tirrenia-Toremar:indagine europea sul contributo per le isole italiane
Ven Ott 21, 2011 1:32 pm Da Gimmi Ori

» Progetto unico di smantellamento dell'Elba,parte prima: Sanità
Lun Ott 17, 2011 4:32 pm Da Gimmi Ori

» i successi della Regione Toscana per l'Elba daranno il giusto compenso
Mar Set 13, 2011 11:16 am Da Gimmi Ori

» Perchè il Sindaco ha fatto riempire i depositi e non il gestore Asa?
Lun Ago 15, 2011 6:32 pm Da Gimmi Ori

» CONTINUITA' TERRITORIALE,COSA FA' LA NOSTRA REGIONE PER NOI?
Ven Ago 12, 2011 11:08 pm Da Gimmi Ori

» LebarrierediMarchetti,mala bomba all'Elba è giàscoppiata,manca l'acqua
Ven Ago 12, 2011 7:32 pm Da Gimmi Ori

» Traghetti Elba,Toremar-Moby Onorato,Blunavy Morace,concorrenza?
Gio Ago 11, 2011 12:47 am Da Gimmi Ori

» Divide et impera,acqua all'Elba,ennesimo fallimento Regione Toscana!
Mer Ago 10, 2011 11:10 am Da Gimmi Ori

» Traghetti Elba: l'assistenza ai turisti al porto di Piombino
Mer Ago 03, 2011 3:03 pm Da Gimmi Ori

» Elba, domani 31.07.2011, non c'e posto sulle navi ?
Sab Lug 30, 2011 11:02 pm Da Gimmi Ori

» Alla Procura,Toremar:disposizioni dell'Antitrust frutto di una truffa?
Lun Lug 25, 2011 10:56 am Da Gimmi Ori

» Toremar,Antitrust:l'ennesimo successo della Regione Toscana e dell'APP
Dom Lug 24, 2011 9:34 pm Da Gimmi Ori

» Toremar-Moby: suggellato l'ennesimo successo della Regione Toscana!
Sab Lug 23, 2011 11:06 am Da Gimmi Ori

» CGIL-Sig.Salza,Monopolio Toremar-Moby e i rischi per i lavoratori
Mar Lug 19, 2011 3:11 pm Da Gimmi Ori

» Toremar: al Tar "sembra", tutto come previsto e torna l'Oglasa ....
Ven Lug 15, 2011 3:42 pm Da Gimmi Ori

» Toremar,esaltata la sinergia messa in campo dalla Regione,caroCeccobao
Gio Lug 14, 2011 3:20 pm Da Gimmi Ori

Agosto 2017
LunMarMerGioVenSabDom
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

Calendario Calendario

ELBA METEO
YOU TUBE
WIKIPEDIA
Sondaggio
counter

L'antica Pieve di S.Michele

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

L'antica Pieve di S.Michele

Messaggio  Giobbe da Cosmopoli il Gio Nov 13, 2008 8:41 pm

La Pieve centenaria

Oggi andiamo a scartabellare tra vecchi libri e antichi documenti alla ricerca di notizie sulle vestigia di una Pieve romanica nel paese collinare di Capoliveri. Cercando di raccontarvi frammenti di sensazioni visive e notizie acquisite da documenti d’epoca.



La Pieve romanica che porta il nome di San Michele, l’avevamo visitata durante la nostra infinita ricerca di un Elba lontana e dimenticata, e ci eravamo riproposti di fare alcune ricerche per approfondire la nostra conoscenza su questo antico luogo di culto.
La Pieve è un tipico esempio di architettura romanica ad una sola navata, ed era una delle prime costruzioni d’indirizzo religioso elbano databile presumibilmente intorno al 1100, l’abside presenta, alla sua sommità, una corona di piccole arcate, alternativamente poste su mensole e su lesene.



L’aspetto è ancora suggestivo, il muro che costituisce il complesso è fatto di pietre calcaree locali, che presentano sfumature rosa, esse sono squadrate con quella perfezione che è tipica delle costruzioni pisane all’Elba.
La chiesa abbandonata da lungo tempo nel XVIII° secolo ormai quasi ridotta ad un rudere venne trasformata in un cimitero.
L’unica struttura che ha resistito al tempo è l’abside, ma anticamente la costruzione aveva annessa la casa canonica, di essa ne abbiamo notizia da un documento del 1235.



Negli anni 1302-1303, leggiamo dagli elenchi delle “Rationes Decimarum Tusciae”, questa chiesa possedeva il patrimonio più cospicuo di tutta l’isola. Ma era nota anche per aver suscitato la particolare attenzione di Papa Gregorio XI che nel 1376 proveniente da Avignone ed imbarcatosi a Marsiglia, giunse a Porto Ercole dove una tempesta gli impedì l’approdo e quindi dopo aver tentato inutilmente l’accosto verso Piombino trovò finalmente rifugio a Longone da cui, all’alba del giorno seguente, accompagnato da una moltitudine di fedeli, si recò a piedi fino alla chiesa di San Michele a Capoliveri per celebrare una messa di ringraziamento.



La chiesa rimase a lungo abbandonata tanto da essere definita dal Ninci nei primi anni dell’ottocento una “reliquia”. Probabilmente chi arrecò così tanti danni alla pieve furono le scorrerie barbaresche ricordiamo infatti che Capoliveri nel 1544 fu saccheggiata e arsa dai pirati Saraceni e quindi non è improbabile che in questa occasione fosse stata devastata per più non risorgere.

Ancora una storia…. Ancora un lontano passato che….. se non viene raccontato è come se non fosse stato mai vissuto.

Giobbe da Cosmopoli

Foto di Alberto Campedelli

Giobbe da Cosmopoli

Messaggi : 57
Data d'iscrizione : 16.08.08
Età : 75

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum