CAMMINANDO.ORG
VIVERE L’AMBIENTE
TELETIRRENO ON LINE
teletirrenoelba news
Ultimi argomenti
» IL POLPO PALLA
Mar Ago 28, 2012 4:01 pm Da Visir

» 1 marzo 2012: la gita a Montecristo
Mer Mar 07, 2012 1:52 am Da Visir

» Giglio: la tragedia della Concordia e le AMP
Mer Feb 01, 2012 2:55 am Da Visir

» Derattizzazione, sopralluoghi ed altro: ritorno a Montecristo
Ven Gen 27, 2012 12:25 pm Da Visir

» Tirrenia-Toremar:indagine europea sul contributo per le isole italiane
Ven Ott 21, 2011 1:32 pm Da Gimmi Ori

» Progetto unico di smantellamento dell'Elba,parte prima: Sanità
Lun Ott 17, 2011 4:32 pm Da Gimmi Ori

» i successi della Regione Toscana per l'Elba daranno il giusto compenso
Mar Set 13, 2011 11:16 am Da Gimmi Ori

» Perchè il Sindaco ha fatto riempire i depositi e non il gestore Asa?
Lun Ago 15, 2011 6:32 pm Da Gimmi Ori

» CONTINUITA' TERRITORIALE,COSA FA' LA NOSTRA REGIONE PER NOI?
Ven Ago 12, 2011 11:08 pm Da Gimmi Ori

» LebarrierediMarchetti,mala bomba all'Elba è giàscoppiata,manca l'acqua
Ven Ago 12, 2011 7:32 pm Da Gimmi Ori

» Traghetti Elba,Toremar-Moby Onorato,Blunavy Morace,concorrenza?
Gio Ago 11, 2011 12:47 am Da Gimmi Ori

» Divide et impera,acqua all'Elba,ennesimo fallimento Regione Toscana!
Mer Ago 10, 2011 11:10 am Da Gimmi Ori

» Traghetti Elba: l'assistenza ai turisti al porto di Piombino
Mer Ago 03, 2011 3:03 pm Da Gimmi Ori

» Elba, domani 31.07.2011, non c'e posto sulle navi ?
Sab Lug 30, 2011 11:02 pm Da Gimmi Ori

» Alla Procura,Toremar:disposizioni dell'Antitrust frutto di una truffa?
Lun Lug 25, 2011 10:56 am Da Gimmi Ori

» Toremar,Antitrust:l'ennesimo successo della Regione Toscana e dell'APP
Dom Lug 24, 2011 9:34 pm Da Gimmi Ori

» Toremar-Moby: suggellato l'ennesimo successo della Regione Toscana!
Sab Lug 23, 2011 11:06 am Da Gimmi Ori

» CGIL-Sig.Salza,Monopolio Toremar-Moby e i rischi per i lavoratori
Mar Lug 19, 2011 3:11 pm Da Gimmi Ori

» Toremar: al Tar "sembra", tutto come previsto e torna l'Oglasa ....
Ven Lug 15, 2011 3:42 pm Da Gimmi Ori

» Toremar,esaltata la sinergia messa in campo dalla Regione,caroCeccobao
Gio Lug 14, 2011 3:20 pm Da Gimmi Ori

Agosto 2017
LunMarMerGioVenSabDom
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

Calendario Calendario

ELBA METEO
YOU TUBE
WIKIPEDIA
Sondaggio
counter

Garfagnoli/Tiberto - agosto 2007

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Garfagnoli/Tiberto - agosto 2007

Messaggio  Visir il Sab Dic 27, 2008 1:15 am

TENEWS, 28 AGOSTO 2007

DOPO 10 ANNI RESTA SBAGLIATO NON FIDARSI DEL PARCO
di Marino GARFAGNOLI (dei Verdi)


E’ davvero singolare questo scorcio di estate, che chiude segnato da alcune rappresentazioni di posizioni contrarie, variopinte nelle loro diverse sfumature, sulla istituzione delle aree marine protette.
Posizioni diversificate, ma tutte riunite in una comune filosofia di fondo, basata sulla negazione. No alla loro istituzione.
Ho già visto questo film a partire dalla fine degli anni 80, quando si avviarono le procedure per l’istituzione del Parco Nazionale. Dieci anni di polemiche sterili e inutili, di contrapposizioni ideologiche, e di pochissime riflessioni sulla sostanza dei fatti.
A quel tempo, secondo gli strenui oppositori, molti gli stessi e con le stesse motivazioni di oggi, il parco avrebbe condotto alla morte sociale e civile dell’isola; molti fra gli amministratori, approfittando dell’aria da rivolta creata da improvvisatati capipopolo, si presentavano alle assemblee pubbliche, annunciando che l’Elba non sarebbe stata governata da podestà venuti da Roma.
Altri, tra cui il sottoscritto, difendevano l’idea dei parchi e delle aree protette come strumento di sviluppo sostenibile, oltre che di protezione, cercando di ribattere punto per punto alle assurdità che venivano divulgate.
Il Parco Nazionale dell’Arcipelago, istituzione dello Stato italiano, non ha condotto, dal 1996 ad oggi alla morte sociale e civile delle isole italiane. Ha fatto molti passi e prodotto molti interventi positivi sull’ambiente, ma non ha fino in fondo giocato quel ruolo che gli compete in base alle finalità che la legge gli assegna. E’ questa la più consistente e motivata critica che possiamo muovere al nostro parco. Ed è ovvio che dobbiamo chiederci perché. Ed i motivi ovviamente, in base all’analisi oggettiva dei fatti, ci sono.

Primo. La Comunità del parco organo dell’Ente, composta dai sindaci dei comuni interessati, deve redigere il Piano di Sviluppo economico e sociale; ebbene questo in dieci anni non è ancora stato fatto. Come può l’esecutivo realizzare i progetti se manca lo strumento nel quale questi sono indicati. La comunità deve dire cosa fare in termini economici, quali progetti, quali priorità, quali iniziative, e dare le indicazioni per le priorità dei cittadini dal punto di vista culturale e sociale. Senza questo non si può sparare a zero sul “carrozzone inutile” che sarebbe, secondo i critici il parco.

Secondo. I primi cinque anni caratterizzati della presidenza Tanelli sono stati quelli della fondazione. Si è partiti da zero, senza nemmeno una sedia e superando i comprensibili problemi normativi e pratici della costruzione ex novo di un nuovo soggetto politico istituzionale. Conosco le difficoltà e i problemi di quel periodo per averli vissuti in prima persona.
I primi tempi sono stati quelli anche della dimostrazione pratica che il parco non portava la morte sociale e civile; anzi. Forse si sarebbe potuto operare di più e meglio, certamente, anche perché erano state poste importanti basi: progetti di educazione ambientale con le scuole, specifici progetti sulla gestione dei rifiuti, finanziamenti comunitari sulle piccole isole, rifacimento completo della sentieristica su tutto l’arcipelago, progetti comunitari per la conservazione di specie strategiche a Pianosa e a Capraia, realizzazione dei centri visita e delle case del Parco, interventi di risanamento ambientale in aree strategiche e nelle zone percorse dagli incendi, protocolli di intesa con le associazioni degli agricoltori, dei pescatori e con i sindacati, elaborazione del Piano per il Parco e del regolamento; molte cose che solo i parchi più bravi, nel nostro paese, sono riusciti a fare. Molte, specie i protocolli, sono rimasti lì, da attuare e con un po’ di buona volontà in più si potevano certo cogliere più frutti.

Terzo. Tutto questo si è inceppato al cambio del governo nel nostro paese. E’ iniziata, per lunghi cinque anni, l’era del commissario Barbetti che, pur capace ed elbano, ha inaugurato una stagione di conflitto e di contrapposizione con gli enti locali che hanno prodotto un ingessamento del ruolo del parco; ha bloccato, di fatto la fase conclusiva per l’approvazione degli strumenti di gestione ed ha prodotto una situazione in cui l’ente navigava a vista, azzerando il ruolo della comunità del parco, divenuta solo palestra di scontro tra il commissario ed i comuni.

Quarto. Molti rappresentanti dei comuni siedono, per legge all’interno dell’ente. Questi nel passato hanno svolto un ruolo di scarsissimo peso politico e gestionale (salvo rarissime eccezioni); sono loro che, raccordandosi alla comunità del parco e alle amministrazioni locali dell’arcipelago, devono presentare le istanze e gli interessi degli elbani, capraiesi e gigliesi.

Quinto. Ora, dopo 10 anni, con un nuovo direttivo e un nuovo presidente, ed oggi col nuovo direttore, ci sono moltissime aspettative e molta sfiducia nel parco. Sfiducia perché nei primi 8 mesi della nuova presidenza si sono viste, da parte dei cittadini, solo polemiche tra il parco e le amministrazioni locali, alcune uscite infelici per la gestione di servizi elementari che poco c’entrano con le finalità di un’area protetta (gestione turistica di Pianosa) e poco altro; sfiducia perchè gli abitanti dell’arcipelago aspettano da molti anni di vedere un ente che funziona e che realizza; aspettative moltissime: il parco non fa più paura e si è capito che non impone nuovi impossibili vincoli, che può essere uno strumento che migliora la qualità della vita e arricchisce il nostro territorio in termini di immagine e anche di fruizione turistica.

Non credo sia affermare che non si vuole il parco e il suo logico completamento a mare (istituzione delle ree marine protette) perché “non mi fido”.
La legge italiana prevede, in ottemperanza alla normativa dell’Unione Europea, la realizzazione delle aree protette. La loro realizzazione, in quanto integrazione di quello a terra è quello che è stato deciso dalle nostre istituzioni, parlamento e governo a partire dal 1989. Questa deve essere concordata con le amministrazioni locali. In queste settimane i comuni dell’arcipelago stanno ricercando l’intesa facendo con proposte sensate che vengono presentate alla cittadinanza, attraverso assemblee pubbliche e specifici incontri con le associazioni di categoria. Affermare che questo processo non sia partecipativo e rappresentativo e davvero poco rispettoso delle istituzioni; si chiede, in quanto agli incontri partecipano pochi cittadini (verità parziale perché 20 o 50 cittadini ad ogni incontro rappresentano un discreto numero in termini di contributo della popolazione alla discussione e al confronto), una consultazione popolare. Vorrei chiedere: su cosa? Sull’Elba agli Elbani, Capraia ai Capraiesi, Giglio ai Gigliesi e Campiglia ai Campigliesi, oppure sull’Elba e le isole dell’arcipelago al mondo, in un’apertura che ci consenta di offrire queste isole e il loro mare al godimento sostenibile di tutti coloro che lo vorranno?

Oggi, come 10 anni fa è difficile parlare di proposte quando ci si ferma a questi livelli e al “non mi fido”, alla contrarietà pregiudiziale ai parchi e alle aree protette.
Certo le aree marine protette pongono problemi di controllo, gestione e sorveglianza, diversi rispetto a quelli posti nella parte terrestre del parco. Ma non possono essere solo i questi i motivi per cui si è contrari.

Il mare, con riserve e zone di protezione, rappresentano una grossa opportunità economica per le nostre isole. E’ questo il fine a cui giungere. Il parco e i comuni dovranno stabilire accordi e convenzioni con i circoli della vela, con gli operatori del demanio marittimo, con i diving, con le cooperative e le associazioni dei pescatori, con i sindacati della pesca, per la gestione dei servizi e delle aree all’interno e fuori dell’area marina protetta; dovranno individuare le prime cose da fare concrete per gestire insieme a tali soggetti l’enorme patrimonio che abbiamo.

Il “non mi fido”, per me non funziona; questo scarso senso dello stato e delle istituzioni è una caratteristica del nostro modo di essere italiani; anche se storicamente, possiamo essere scusati perché siamo la terra delle signorie e dei comuni, dei piccoli staterelli, a differenza dei primi stati nazionali europei, non siamo pienamente giustificati per lo scarso senso civico per il poco rispetto che spesso dimostriamo per le istituzioni. Lo Stato è vissuto come qualcosa che opprime, che impone tasse e balzelli, e così i suoi organi; dovremmo iniziare a capire che lo stato è nostro, siamo noi, e rispettare coloro che per questo lavorano. La fiducia nelle istituzioni può solo migliorarle.

E’ vero che siamo anche isolani; e qui dobbiamo dimostrare di avere ancora quella capacità critica dei presidi insulari, riappropriarci dell’identità di isola che stiamo perdendo, delle capacità propositive e di scelta. Facile, ad esempio, sparare a zero contro la gestione dei rifiuti, quando questa situazione è stata prodotta proprio dagli elbani e dai nostri amministratori; dobbiamo essere critici con le posizioni approssimative, contro gli slogan vuoti, contro le approssimazioni dei media (Elba=inquinamento=cemento), ma distinguerci, come cittadini nel rispetto delle istituzioni, con dovuto senso di appartenenza allo stato e al nostro paese.


_________________
Che cosa c'é da aspettarsi da chi come me non sa adeguarsi a sette, mafiette, etichette? Mi piace sapermi diverso, piacere perverso che riverso in versi su fogli sparsi, nei capoversi dei giorni persi nei miei rimorsi. Godo se penso all'amaro che mastica chi pronostica la fine della mia vitalità..
avatar
Visir
Admin

Messaggi : 323
Data d'iscrizione : 31.07.08
Età : 53
Località : Marina di Campo

Vedi il profilo dell'utente http://laltroparco.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Garfagnoli/Tiberto - agosto 2007

Messaggio  Visir il Sab Dic 27, 2008 1:19 am

TENEWS, 28 AGOSTO 2007

"CARO GARFAGNOLI, DIFENDI L'INDIFENDIBILE"
di Yuri TIBERTO


Caro Marino, ho letto con vivo interesse il tuo ammirevole tentativo di difendere l'indifendibile. In buona sostanza, se il Pnat fosse una squadra di calcio, e noi i tifosi, ci chiedi di non negare la fiducia a dirigenti, tecnici e giocatori che, anno dopo anno, ci hanno portato da una dignitosa "zona uefa" in Serie A fino all'orlo della retrocessione in terza categoria...
Sostieni che il Pnat "Ha fatto molti passi e prodotto molti interventi positivi sull’ambiente".
Saresti così gentile da elencarcene, che sò, un paio?
"La Comunità del parco organo dell’Ente deve redigere il Piano di Sviluppo economico e sociale....deve dire cosa fare in termini economici, quali progetti, quali priorità, quali iniziative, e dare le indicazioni per le priorità dei cittadini dal punto di vista culturale e sociale. Senza questo non si può sparare a zero sul “carrozzone inutile” che sarebbe, secondo i critici il parco."
Ebbene, io sono un "critico". Fra i più moderati, probabilmente. Questo perchè, non solo non ero (e non sono) fra gli "antiparco", bensì fra i "favorevoli e fiduciosi", ma sarei assolutamente felice di vivere e lavorare in un "Parco" dove l'Uomo e la Natura siano in perfetta armonia, nella cura e nella tutela, nel rispetto delle esigenze dell'uno e dell'altra. Il parco non è assolutamente un carrozzone "inutile". E' un carrozzone DANNOSO.
Chiunque càpiti sulla nostra Isola aspettandosi la pulizia e il decoro urbano, la cura dei boschi e dei sentieri, la fruibilità delle opere storiche e rurali, la didattica ambientale e naturalistica che dovrebbe caratterizzare un "Parco Nazionale", non resta solo deluso. Resta SCONCERTATO.
Ed ecco quindi dimostrato il danno. Un danno verso noi cittadini elbani, verso i turisti che ci sostentano, verso la stessa immagine della nostra Nazione. E soprattutto, verso la nostra Isola.
"Si è partiti da zero, senza nemmeno una sedia"
Forse non c'erano sedie, ma le POLTRONE non mancavano certo... E i soldini accumulati nel tempo trascorso fra l'istituzione "teorica" e quella "reale", QUANTI ERANO? e POI? Case del Parco perennemente chiuse, o non curate per la solita "mancanza di fondi". Cartellonistica e "arredi" ormai ridotti a veri monumenti all'incuria. Pianosa lasciata MARCIRE. Volterraio, Perone, sentieristica... Poi, e capisco che il problema è talmente secondario che non ne parla nessuno... Sembra ci siano TROPPI CINGHIALI... mi porti, quando hai tempo, a vedere una pernice rossa o un ramarro? O mi convinci qualche volenteroso a tenere pulito qualche campo dai rovi e dalle sterpaglie affinchè ci coltivi qualcosa di biologico e nostrano a unico beneficio del grugno di qualche suino?
Va bene, la colpa non è del Parco in sè, ma dei Governi, dei Sindaci, di Babbo Natale... Scusa, ma a noi, checcefrega di chi è la colpa? Nostra, no di sicuro!
Se poi la FIDUCIA che chiedi sta nella nuova Dirigenza...A dire il vero ti rispondi da solo: "nei primi 8 mesi della nuova presidenza si sono viste solo polemiche tra il parco e le amministrazioni locali e alcune uscite infelici..."
E pensare che io riponevo grandi speranze nel Dott. Tozzi. Mi è sempre stato simpatico, le sue trasmissioni sono curate e ben fatte. E' un ottimo geologo e un bravissimo divulgatore e comunicatore. Poi, da quando è presidente, come apre bocca dice una ....sciocchezza. Sindaci dementi, via le auto, alberghi deserti, cementificazione e abusivismo.... La cosa più geniale prodotta è il progetto "zero emissioni". A Montecristo! Nota centrale dell'inquinamento mondiale! Manca solo la proposta di mettere un tappo nel .... al guardiano, e poi azzeriamo davvero tutte le emissioni... Salvo naturalmente le "visite autorizzate" per scopi "scientifici" (tipo "scopone"? agenzia viaggi per politici & affini On. Mele? Fuori gli elenchi chiesti anni fa da Legambiente!)

Caro Marino, mi spiace ma NOI NON CI FIDIAMO.
Vuoi il " Piano di Sviluppo"? Te lo faccio io, gratis:
- eliminazione immediata dei cinghiali in sovrannumero (5/6), e monitoraggio continuo.
- eliminazione immediata dei mufloni in sovrannumero (non so quanti), localizzazione dei restanti in zone delimitate con creazione di centri d'osservazione.
- monitoraggio, informazione didattica, protezione e restauro ambientale degli habitat necessari al ripopolamento di specie endemiche di alta rilevanza biologica: martora, pernice rossa, tartaruga terrestre, ramarro, tutti gli ofidi, tutti i rapaci, riccio.. ti risparmio un paio di interessanti specie di lombrichi che non vedo più da anni.
- creazione di una "squadra di pronto intervento", con adeguati fondi, per la soluzione di problemi biologici, anche ciclici ma poco prevedibili, quali "invasioni" di processionarie, zecche o ratti, ma anche frane, smottamenti o incendi.
- prevenzione e soluzione del problema randagismo, felino e canino.
- pulizia e manutenzione dei fossi, dei boschi e di tutti i principali biotopi elbani.
- incentivi per il recupero delle aree ex agricole, dei terrazzamenti con muretti a secco e di ogni traccia storica (caprili ecc.) della vita rurale isolana.
- recupero e fruibilità di tutti i manufatti storici, cominciando dal Volterraio.
- ripristino e manutenzione della sentieristica, con annessa cartellonistica.
- manutenzione e creazione di aree di sosta temporanea, in punti panoramici o di rilevanza naturalistica.
- creazione di adeguati punti di raccolta rifiuti, ovviamente differenziata, con conseguente garanzia di ritiro e smaltimento.
- coordinamento fra Provincia e Comuni per la costante manutenzione delle strade, della pulizia dei bordi (erbacce ma anche pattume vulgaris), della cartellonistica stradale e turistica.
- creazione di centri di raccolta, meglio se gratuiti o almeno non a prezzi di rapina, per il conferimento dei materiali ingombranti, inquinanti o di risulta che altrimenti vengono invariabilmente lasciati a fianco dei cassonetti (se va bene).
- creazione di un centro per la raccolta e la trasformazione in compost biologico delle puliture vegetali e degli scarti, almeno nel periodo estivo, della grande ristorazione.
- Apertura di apposito ufficio volto a risolvere rapidamente, a beneficio di aziende e privati, tutte le formalità burocratiche ed economiche per uno sviluppo su larghissima scala di sistemi di energia alternativa, fotovoltaico e solare-termico in primis.
- Costituzione immediata di una commissione che in tempi rapidissimi porti a gare d'appalto trasparenti per la riqualificazione ambientale e territoriale di Pianosa, con apertura museale del carcere, ripristino di attività agricole biologiche e fruibilità controllata e contingentata del mare e delle coste per balneazione e immersioni.

Così, scritto di getto..... Quando ne sarà stata realizzata anche solo la metà, forse potrai tornare a chiedere fiducia....

Per la protezione a mare, il PNAT aveva un'opzione facile, efficace e condivisa: una leggina che spostasse lo strascico a tre miglia. Perchè non l'ha fatto?
Forse qualcuno preferisce le AMP che vietano la pesca ai bimbi "non residenti" ma la lasciano libera e incontrollata ai professionisti con chilometri di reti...
Che ti richiedono, come alle tanto decantate 5 terre, di compilare moduli di tre pagine per fare il bagno in zona A...sempre che tu sia "residente o equiparato"...
Che ti obbligano a istallare gps, radar e contanodi sul gommone per non incorrere in sanzioni da 1000€...

La formula AMP, comunque la rigiri e la "addolcisci", resta assolutamente inadatta all'Elba. E, anche se per ovvie ragioni di appartenenza politica non puoi dirlo, sono quasi certo che lo sai benissimo anche tu..
Non ci sono garanzie su niente, non sapremo mai col giusto anticipo quante e quali norme ci verranno imposte..

Vedi, caro Marino, noi saremo anche poco fiduciosi... ma, a volte, è meglio avere paura che pigliarle.

Con la mia personale stima e amicizia di sempre.

ps:Caro Marino, considerando che Teleelba è molto più vista di quanto non credano alcuni, e se la redazione avesse voglia di proporlo, accetteresti un bel "faccia a faccia" con me sulle AMP?
Rigorosamente in diretta, naturalmente

_________________
Che cosa c'é da aspettarsi da chi come me non sa adeguarsi a sette, mafiette, etichette? Mi piace sapermi diverso, piacere perverso che riverso in versi su fogli sparsi, nei capoversi dei giorni persi nei miei rimorsi. Godo se penso all'amaro che mastica chi pronostica la fine della mia vitalità..
avatar
Visir
Admin

Messaggi : 323
Data d'iscrizione : 31.07.08
Età : 53
Località : Marina di Campo

Vedi il profilo dell'utente http://laltroparco.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum