CAMMINANDO.ORG
VIVERE L’AMBIENTE
TELETIRRENO ON LINE
teletirrenoelba news
Ultimi argomenti
» IL POLPO PALLA
Mar Ago 28, 2012 4:01 pm Da Visir

» 1 marzo 2012: la gita a Montecristo
Mer Mar 07, 2012 1:52 am Da Visir

» Giglio: la tragedia della Concordia e le AMP
Mer Feb 01, 2012 2:55 am Da Visir

» Derattizzazione, sopralluoghi ed altro: ritorno a Montecristo
Ven Gen 27, 2012 12:25 pm Da Visir

» Tirrenia-Toremar:indagine europea sul contributo per le isole italiane
Ven Ott 21, 2011 1:32 pm Da Gimmi Ori

» Progetto unico di smantellamento dell'Elba,parte prima: Sanità
Lun Ott 17, 2011 4:32 pm Da Gimmi Ori

» i successi della Regione Toscana per l'Elba daranno il giusto compenso
Mar Set 13, 2011 11:16 am Da Gimmi Ori

» Perchè il Sindaco ha fatto riempire i depositi e non il gestore Asa?
Lun Ago 15, 2011 6:32 pm Da Gimmi Ori

» CONTINUITA' TERRITORIALE,COSA FA' LA NOSTRA REGIONE PER NOI?
Ven Ago 12, 2011 11:08 pm Da Gimmi Ori

» LebarrierediMarchetti,mala bomba all'Elba è giàscoppiata,manca l'acqua
Ven Ago 12, 2011 7:32 pm Da Gimmi Ori

» Traghetti Elba,Toremar-Moby Onorato,Blunavy Morace,concorrenza?
Gio Ago 11, 2011 12:47 am Da Gimmi Ori

» Divide et impera,acqua all'Elba,ennesimo fallimento Regione Toscana!
Mer Ago 10, 2011 11:10 am Da Gimmi Ori

» Traghetti Elba: l'assistenza ai turisti al porto di Piombino
Mer Ago 03, 2011 3:03 pm Da Gimmi Ori

» Elba, domani 31.07.2011, non c'e posto sulle navi ?
Sab Lug 30, 2011 11:02 pm Da Gimmi Ori

» Alla Procura,Toremar:disposizioni dell'Antitrust frutto di una truffa?
Lun Lug 25, 2011 10:56 am Da Gimmi Ori

» Toremar,Antitrust:l'ennesimo successo della Regione Toscana e dell'APP
Dom Lug 24, 2011 9:34 pm Da Gimmi Ori

» Toremar-Moby: suggellato l'ennesimo successo della Regione Toscana!
Sab Lug 23, 2011 11:06 am Da Gimmi Ori

» CGIL-Sig.Salza,Monopolio Toremar-Moby e i rischi per i lavoratori
Mar Lug 19, 2011 3:11 pm Da Gimmi Ori

» Toremar: al Tar "sembra", tutto come previsto e torna l'Oglasa ....
Ven Lug 15, 2011 3:42 pm Da Gimmi Ori

» Toremar,esaltata la sinergia messa in campo dalla Regione,caroCeccobao
Gio Lug 14, 2011 3:20 pm Da Gimmi Ori

Mag 2017
LunMarMerGioVenSabDom
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

Calendario Calendario

ELBA METEO
YOU TUBE
WIKIPEDIA
Sondaggio
counter

MONTECRISTO L'ISOLA DEL TESORO?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

MONTECRISTO L'ISOLA DEL TESORO?

Messaggio  Giobbe da Cosmopoli il Dom Mag 10, 2009 9:49 am

MONTECRISTO L'ISOLA DEL TESORO ?

CARO AMICO YURI E AMICI DELL'ARCIPELAGO
Qualche tempo fa vi avevo parlato e documentato il disastro che l’ultimo temporale aveva provocato sull’isola di Pianosa, oggi voglio raccontarvi le vicissitudini dell’altra nostra perla dell’Arcipelago Toscano… Montecristo

L’isola di Montecristo vista da lontano è sempre così maestosa. I visitatori di questo inizio maggio, guardandola più da vicino, scoprono con gradualità tutto il suo fascino ma, lentamente appare anche la sua desolazione. I recenti temporali hanno creato distruzione da cui traspare un certo abbandono soprattutto per le risorse inadeguate finalizzate al superamento delle emergenze.
Si parla. in particolare, di Cala Maestra:
la costruzione presso la spiaggia chiamata “la Capitaneria” o anche “il Magazzino dei Pescatori” è in stato disastroso da tempo ma ultimamente la situazione è peggiorata. La strada e il fosso che portano alla spiaggia sono sporchi e pieni detriti.
Molti alberi, soprattutto pini, sono stati abbattuti dal vento o sradicati. La pineta presso la spiaggia è quasi completamente distrutta.





I muri attorno alla Piccionaia del marchese Ginori, nobile fiorentino, sono caduti quasi completamente per la forza tempestosa del vento e della pioggia.
L’ex villa reale e il giardino attorno ad essa ha avuto danni limitati.
Si parla anche di problemi sulle colline e sulle montagne, con particolare riferimento alla Grotta del Santo, al Monastero e ai Mulini.
Sono necessari interventi immediati sia per il ripristino e il miglioramento della natura e dell’ambiente devastato dei muri e degli immobili sopra menzionati.
Andando nello specifico se non si effettuano interventi immediati a favore del Magazzino presto il suo tetto crollerà e si perderà una testimonianza del passato fra storia e leggenda. Come pure la Piccionaia ed i suoi muri, vanto del marchese Ginori per il suo uso di “Stazione spedizione-ricezione messaggi” attraverso l’utilizzo di piccioni viaggiatori da lui addestrati per volare fino a Firenze, hanno bisogno di interventi urgenti per riportarli all’antico splendore di testimonianza storica.
Nonostante le attenzioni del Parco, l’impegno dei due agenti della forestale e la buona volontà del guardiano, dotati di alcuni mezzi moderni, le risorse per fronteggiare l’attuale situazione sono inadeguate.
Tra l’altro sembra che il guardiano abbia il contratto di lavoro scaduto da dicembre e che vi siano difficoltà nel rinnovarlo. Si rischia di non avere più guardiani a Montecristo!
Da segnalare, inoltre, che in questi ultimi giorni nei porti elbani, ed in particolare a Marina di campo, ci sono malumori e forti tensioni fra i pescatori che pescano a sud dell’Elba. Viene fatto riferimento all’allontanamento da Cala Maestra di alcune barche da pesca durante giornate di forti temporali con mare agitato e vento di scirocco-mezzogiorno. Dal riparo sicuro di Cala maestra, ancora una volta, delle barche sono state allontanate verso il mare aperto col rischio di naufragio. E’ bene che si metta molta attenzione a queste situazioni di pericolo e non si spingano i pescatori, al sicuro nella Cala, nel mare in tempesta con rischio di affondamento o addirittura di morte. La protezione e difesa di Montecristo è necessaria agendo con durezza contro i predoni del mare che infrangono la legge, ma la vita umana va salvaguardata. E’ necessario che Montecristo con le guardie e i guardiani siano più accoglienti e ospitali con le barche alla ricerca di un appoggio riparo sicuro senza alcuna vessazione.



Di tutta questa situazione sarebbe interessante parlare con il dott. Fratini, ex sindaco di Portoferraio, che ha fatto parte del gruppo escursionistico organizzato dal Parco che ha visitato Montecristo il 25 aprile ed avere impressioni ed osservazioni. Sarebbe utile intervistare anche:
La dott.ssa Franca Zanichelli, Direttore del Parco, per sentire le sue considerazioni sull’attuale situazione dell’isola e sulle prospettive riguardo al suo futuro.
Il dott. Vagniluca, responsabile del CFS di Follonica, (competente per Montecristo ) per avere le sue considerazioni.

Giobbe da Cosmopoli

Giobbe da Cosmopoli

Messaggi : 57
Data d'iscrizione : 16.08.08
Età : 75

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Montecristo e Giovanni Fratini

Messaggio  Giobbe da Cosmopoli il Lun Mag 11, 2009 7:47 pm


Caro Giobbe da Cosmopoli
rispondo alla tua sollecitazione su Montecristo.

Sono stato con mia moglie a Montecristo. Personalmente l'avevo già visitata. Ma ti confesso che, come la prima volta, sono rimasto di nuovo affascinato dalla misteriosa bellezza dell'isola.
Hai ragione. Anch'io ho notato molti "segnali" di abbandono e di incuria. Per fortuna che a Montecristo ci sono pochi edifici altrimenti, sono sicuro, si presenterebbe ai nostri occhi il medesimo, deprimente spettacolo di Pianosa.
Credo che le attuali condizioni di abbandono abbiano una duplice causa.
Per prima cosa una gestione esasperata del vincolo di protezione integrale esistente sull'isola. Faccia in sostanza la natura quello che vuole.
L'altro motivo, penso che sia, senz'altro, la mancanza di disponibilità di bilancio da parte del Parco.E qui si va a toccare un tasto che a me personalmente provoca delusione ed amarezza.
Appartenevo alla schiera di quanti credevano ( e speravano) che l'istituzione di un Parco nazionale avrebbe consentito alle isole dell'arcipelago di diporre di adeguati trasferimenti finanziari da parte dello Stato e della Unione europea da destinare ad interventi di manutenzione dell'ambiente naturale, di recupero e valorizzazione del patrimonio storico, di promozione anche turistica delle 7 perle del Tirreno da visitare e "godere" per quasi tutto l'anno con benefici evidenti per le attività economiche e l'occupazione.
Tutto questo non è successo. Il Parco non è in grado di garantire neppure la manutenzione ordinaria. Non parliamo poi di tutto il resto ( Volterraio che cade inesorabilemnete a pezzi, la Tonnara dell'Enfola che non si riesce a recuperare, la cartellonistica in malora ecc... ecc....).
Bada bene non sto facendo una critica all'attuale Governo. Tutti i Governi che si sono succeduti dal 1996 in poi hanno fatto ben poco per le aree protette. Molto per accaparrarsi le Presidenze!
Dunque che fare? Non credo che si debba tornare indietro, nel senso di togliere i vincoli ambientali e magari consentire che a Montecristo la Società immobiliare Oglasa degli anni '60 possa finalmente costruire appartamenti per i soliti nababbi.
Ma due cose vorrei che venissero fatte:

- Nel disegno di legge governativo di modifica del Testo unico sull'ordinamento degli Enti locali è prevista tra l'altro la soppressione dei Parchi regionali e l'attribuzione delle loro competenze alle Regioni. Ma perché non si fa altrettanto per i Parchi nazionali?
Personalmente ritengo che sia i Parchi regionali che quelli nazionali dovrebbero essere soppressi e le rispettive competenze affidate al Ministero dell'ambiente o alle Regioni o alle Comunità locali a seconda della loro estensione territoriale. Naturalmente fermo restando in capo al Ministero dell'ambiente o alle Regioni il potere di emanare norme e indirizzi generali da rispettare nella gestione delle aree soggette a particolare protezione, sia a terra che a mare.
Con la soppressione degli Enti parco ( regionali e nazionali ) risparmieremmo milioni di euro che potrebbero essere reinvestiti in interventi di manutenzione ordinaria e anche in qualche altra cosa.

Ritengo inoltre che sarebbe opportuno attenuare l'attuale regime protettivo. Autorizzare quindi una maggiore fruzione delle isole (Montecristo, Pianosa e Giannutri). In questo sono d'accordo con Carlo Gasparri. Naturalmente facendo pagare delle tariffe e riservandone una parte all'Ente gestore. Ma se in un anno a Montecristo si consentono solo 1000 visite, all'Ente gestore rimane ben poco.

Basta, mi fermo qui. Altrimenti la faccio troppo lunga.

Un caro saluto Giovanni

Giobbe da Cosmopoli

Messaggi : 57
Data d'iscrizione : 16.08.08
Età : 75

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum