CAMMINANDO.ORG
VIVERE L’AMBIENTE
TELETIRRENO ON LINE
teletirrenoelba news
Ultimi argomenti
» IL POLPO PALLA
Mar Ago 28, 2012 4:01 pm Da Visir

» 1 marzo 2012: la gita a Montecristo
Mer Mar 07, 2012 1:52 am Da Visir

» Giglio: la tragedia della Concordia e le AMP
Mer Feb 01, 2012 2:55 am Da Visir

» Derattizzazione, sopralluoghi ed altro: ritorno a Montecristo
Ven Gen 27, 2012 12:25 pm Da Visir

» Tirrenia-Toremar:indagine europea sul contributo per le isole italiane
Ven Ott 21, 2011 1:32 pm Da Gimmi Ori

» Progetto unico di smantellamento dell'Elba,parte prima: Sanità
Lun Ott 17, 2011 4:32 pm Da Gimmi Ori

» i successi della Regione Toscana per l'Elba daranno il giusto compenso
Mar Set 13, 2011 11:16 am Da Gimmi Ori

» Perchè il Sindaco ha fatto riempire i depositi e non il gestore Asa?
Lun Ago 15, 2011 6:32 pm Da Gimmi Ori

» CONTINUITA' TERRITORIALE,COSA FA' LA NOSTRA REGIONE PER NOI?
Ven Ago 12, 2011 11:08 pm Da Gimmi Ori

» LebarrierediMarchetti,mala bomba all'Elba è giàscoppiata,manca l'acqua
Ven Ago 12, 2011 7:32 pm Da Gimmi Ori

» Traghetti Elba,Toremar-Moby Onorato,Blunavy Morace,concorrenza?
Gio Ago 11, 2011 12:47 am Da Gimmi Ori

» Divide et impera,acqua all'Elba,ennesimo fallimento Regione Toscana!
Mer Ago 10, 2011 11:10 am Da Gimmi Ori

» Traghetti Elba: l'assistenza ai turisti al porto di Piombino
Mer Ago 03, 2011 3:03 pm Da Gimmi Ori

» Elba, domani 31.07.2011, non c'e posto sulle navi ?
Sab Lug 30, 2011 11:02 pm Da Gimmi Ori

» Alla Procura,Toremar:disposizioni dell'Antitrust frutto di una truffa?
Lun Lug 25, 2011 10:56 am Da Gimmi Ori

» Toremar,Antitrust:l'ennesimo successo della Regione Toscana e dell'APP
Dom Lug 24, 2011 9:34 pm Da Gimmi Ori

» Toremar-Moby: suggellato l'ennesimo successo della Regione Toscana!
Sab Lug 23, 2011 11:06 am Da Gimmi Ori

» CGIL-Sig.Salza,Monopolio Toremar-Moby e i rischi per i lavoratori
Mar Lug 19, 2011 3:11 pm Da Gimmi Ori

» Toremar: al Tar "sembra", tutto come previsto e torna l'Oglasa ....
Ven Lug 15, 2011 3:42 pm Da Gimmi Ori

» Toremar,esaltata la sinergia messa in campo dalla Regione,caroCeccobao
Gio Lug 14, 2011 3:20 pm Da Gimmi Ori

Novembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

Calendario Calendario

ELBA METEO
YOU TUBE
WIKIPEDIA
Sondaggio
counter

Diffusa la notizia (falsa) che Toremar ha un valore limitato a pochi

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Diffusa la notizia (falsa) che Toremar ha un valore limitato a pochi

Messaggio  Gimmi Ori il Mar Nov 09, 2010 12:25 am

http://www.elbanotizie.it/articolo.asp?key=1128

http://www.tenews.it/visualizzazione/articolo.asp?IdArticolo=34562

DAL CIRCOLO ELBANO “PATRIZIA PISCITELLO” DI SINISTRA E LIBERTA' INTERVIENE SUL CASO TOREMAR.La gestione dei passaggi marittimi è troppo importanti per gli elbani per sottostare solo alle leggi del profitto
pubblicato lunedì 8 novembre 2010 alle ore 8.55.04

"Il servizio di trasporto marittimo per le popolazioni insulari è il presupposto e la base della continuità territoriale, cioè di un diritto fondamentale. Il monitoraggio dell'efficienza, dell'economicità, della sicurezza dei trasporti spettano ad un Ente pubblico che rappresenti il territorio in tutte le sue componenti. La partecipazione del territorio elbano, Comuni in primis, sarebbe stata importante e necessaria fin dalla scelta del tipo di privatizzazione (es. proprietà pubblica e gestione affidata al privato, oppure mista pubblico-privato, come sostiene anche l'Associazione Albergatori), e dalla predisposizione degli atti, poiché gli elbani sono, in queste decisioni, i principali portatori di interesse. Si deve tener presente la specificità della situazione elbana: il trasporto marittimo per l'Elba non si può equiparare al trasporto terrestre tra due località, dove si può scegliere tra treno, autobus od automobile. Il traghetto è indispensabile per lasciare l'isola, è come un ponte, è una via obbligata per uscire dal proprio paese; Non riusciamo a capire come non appaia a tutti evidente (vero, amici e compagni del PD?) che la privatizzazione totale, della proprietà e della gestione, non è la soluzione migliore per gli elbani. Cosa pensereste se fosse istituito un dazio per l'uscita dalla vostra città, il cui prezzo sia fissato dalla legge della domanda e dell'offerta? Sarebbe come mettere sul libero mercato il diritto alla salute, all'acqua, all'aria che respiriamo! Possiamo pensare di affidarne la gestione alla logica del profitto?

Serve una soluzione che tuteli il diritto alla continuità territoriale, sia nel garantire la mobilità della popolazione, sia nel non creare ostacoli all'economia turistica, fonte primaria dell'economia elbana. La soluzione individuata dalla Regione Toscana per l'assetto futuro di Toremar porta invece ad una situazione non controllata e non controllabile dal territorio. L'affidamento, sia pure con un contratto di servizio, ai privati tramuta la gestione delle linee in un business, in un affare in cui l'imprenditore privato ha la finalità prioritaria, se non unica, di creare un profitto d'impresa. Non può essere questa la risposta; noi crediamo fermamente che un diritto della popolazione non possa e non debba avere come risposta un servizio di trasporto ispirato alla legge del profitto. E' stato diffusa la notizia (falsa) che Toremar ha un valore limitato a pochi milioni di euro; in realtà il tentativo di sottostimare il valore di Toremar è preoccupante perchè sembra voler minimizzare, in termini economici, l'introito atteso dall'assegnazione del servizio, e questo ancor prima della valutazione delle offerte. Si creano di fatto le premesse per svendere un patrimonio pubblico, magari con una assegnazione diretta, adducendo motivi di urgenza. La concorrenza vera parte dal concorso per l'assegnazione! Non ci possiamo rimettere ad una concorrenza che potrebbe diventare un cartello, e che, come dimostrano i fatti, non garantisce il livellamento dei prezzi, né la regolarità del servizio, e tantomeno la sicurezza.

Contro una privatizzazione così “selvaggia” e incontrollata, con la Regione che sembra voler rinunciare al suo ruolo di controllo e tutela, si sono espressi non solo alcuni partiti, che pur sostengono il Governo della Regione (Idv, Sel, Prc), ma anche forze imprenditoriali quali gli Albergatori, la Confederazione degli Artigiani (Cna) ed altre ancora, i sindaci di molti Comuni, fino alle voci di molti privati cittadini che, per puro buon senso, ritengono necessario intervenire.

Gli amministratori regionali sono per noi il referente che, nonostante le richieste, non ci coinvolge nelle decisioni che ci riguardano molto da vicino.· Apriamo un tavolo di discussione e concertazione con il territorio, avviando un percorso trasparente verso la privatizzazione, creando le premesse per garantire la concorrenza in nome dell'interesse dei cittadini insulari;

· Portiamo alla luce del sole le offerte (le fantomatiche 11 buste) e verifichiamone la rispondenza ai requisiti del bando, controllando che il concorso sia effettivamente un concorso con più candidati;

· Poniamo con chiarezza le condizioni per il futuro gestore: Tariffe, orari, qualità del servizio, organi cui spetta il controllo, penali.

Negli angoli d'ombra possono fiorire interessi nascosti, ma i diritti dell'Elba non devono essere merce di scambio; per questo siamo certi che la presidenza della nostra Regione saprà traghettare Toremar verso la gestione privata in modo sicuro, economico, efficiente e nell'interesse della collettività".

SEL: "NO ALLA PRIVATIZZAZIONE AL BUIO DI TOREMAR"
DAL CIRCOLO ELBANO DI SINISTRA E LIBERTA' UNA LETTERA ALLA REGIONE: "NON POSSONO ESSERE MERCE DI SCAMBIO I DIRITTI DEI CITTADINI"
Il circolo "Patrizia Piscitello" di Sinistra, Ecologia e Libertà dell'isola d'Elba scrive una lettera aperta agli amministratori regionali sul caso della privatizzazione di Toremar:

"Il servizio di trasporto marittimo per le popolazioni insulari è il presupposto e la base della continuità territoriale, cioè di un diritto fondamentale. Il monitoraggio dell'efficienza, dell'economicità, della sicurezza dei trasporti spettano ad un Ente pubblico che rappresenti il territorio in tutte le sue componenti. La partecipazione del territorio elbano, Comuni in primis, sarebbe stata importante e necessaria fin dalla scelta del tipo di privatizzazione (es. proprietà pubblica e gestione affidata al privato, oppure mista pubblico-privato, come sostiene anche l'Associazione Albergatori), e dalla predisposizione degli atti, poiché gli elbani sono, in queste decisioni, i principali portatori di interesse. Si deve tener presente la specificità della situazione elbana: il trasporto marittimo per l'Elba non si può equiparare al trasporto terrestre tra due località, dove si può scegliere tra treno, autobus od automobile. Il traghetto è indispensabile per lasciare l'isola, è come un ponte, è una via obbligata per uscire dal proprio paese; Non riusciamo a capire come non appaia a tutti evidente (vero, amici e compagni del PD?) che la privatizzazione totale, della proprietà e della gestione, non è la soluzione migliore per gli elbani. Cosa pensereste se fosse istituito un dazio per l'uscita dalla vostra città, il cui prezzo sia fissato dalla legge della domanda e dell'offerta? Sarebbe come mettere sul libero mercato il diritto alla salute, all'acqua, all'aria che respiriamo! Possiamo pensare di affidarne la gestione alla logica del profitto?

Serve una soluzione che tuteli il diritto alla continuità territoriale, sia nel garantire la mobilità della popolazione, sia nel non creare ostacoli all'economia turistica, fonte primaria dell'economia elbana. La soluzione individuata dalla Regione Toscana per l'assetto futuro di Toremar porta invece ad una situazione non controllata e non controllabile dal territorio. L'affidamento, sia pure con un contratto di servizio, ai privati tramuta la gestione delle linee in un business, in un affare in cui l'imprenditore privato ha la finalità prioritaria, se non unica, di creare un profitto d'impresa. Non può essere questa la risposta; noi crediamo fermamente che un diritto della popolazione non possa e non debba avere come risposta un servizio di trasporto ispirato alla legge del profitto. E' stato diffusa la notizia (falsa) che Toremar ha un valore limitato a pochi milioni di euro; in realtà il tentativo di sottostimare il valore di Toremar è preoccupante perchè sembra voler minimizzare, in termini economici, l'introito atteso dall'assegnazione del servizio, e questo ancor prima della valutazione delle offerte. Si creano di fatto le premesse per svendere un patrimonio pubblico, magari con una assegnazione diretta, adducendo motivi di urgenza. La concorrenza vera parte dal concorso per l'assegnazione! Non ci possiamo rimettere ad una concorrenza che potrebbe diventare un cartello, e che, come dimostrano i fatti, non garantisce il livellamento dei prezzi, né la regolarità del servizio, e tantomeno la sicurezza.

Contro una privatizzazione così “selvaggia” e incontrollata, con la Regione che sembra voler rinunciare al suo ruolo di controllo e tutela, si sono espressi non solo alcuni partiti, che pur sostengono il Governo della Regione (Idv, Sel, Prc), ma anche forze imprenditoriali quali gli Albergatori, la Confederazione degli Artigiani (Cna) ed altre ancora, i sindaci di molti Comuni, fino alle voci di molti privati cittadini che, per puro buon senso, ritengono necessario intervenire.

Gli amministratori regionali sono per noi il referente che, nonostante le richieste, non ci coinvolge nelle decisioni che ci riguardano molto da vicino.
· Apriamo un tavolo di discussione e concertazione con il territorio, avviando un percorso trasparente verso la privatizzazione, creando le premesse per garantire la concorrenza in nome dell'interesse dei cittadini insulari;
· Portiamo alla luce del sole le offerte (le fantomatiche 11 buste) e verifichiamone la rispondenza ai requisiti del bando, controllando che il concorso sia effettivamente un concorso con più candidati;
· Poniamo con chiarezza le condizioni per il futuro gestore: Tariffe, orari, qualità del servizio, organi cui spetta il controllo, penali.

Negli angoli d'ombra possono fiorire interessi nascosti, ma i diritti dell'Elba non devono essere merce di scambio; per questo siamo certi che la presidenza della nostra Regione saprà traghettare Toremar verso la gestione privata in modo sicuro, economico, efficiente e nell'interesse della collettività".

lunedì 8 novembre 2010 - 02.06

Gimmi Ori

Messaggi : 285
Data d'iscrizione : 26.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum