CAMMINANDO.ORG
VIVERE L’AMBIENTE
TELETIRRENO ON LINE
teletirrenoelba news
Ultimi argomenti
» IL POLPO PALLA
Mar Ago 28, 2012 4:01 pm Da Visir

» 1 marzo 2012: la gita a Montecristo
Mer Mar 07, 2012 1:52 am Da Visir

» Giglio: la tragedia della Concordia e le AMP
Mer Feb 01, 2012 2:55 am Da Visir

» Derattizzazione, sopralluoghi ed altro: ritorno a Montecristo
Ven Gen 27, 2012 12:25 pm Da Visir

» Tirrenia-Toremar:indagine europea sul contributo per le isole italiane
Ven Ott 21, 2011 1:32 pm Da Gimmi Ori

» Progetto unico di smantellamento dell'Elba,parte prima: Sanità
Lun Ott 17, 2011 4:32 pm Da Gimmi Ori

» i successi della Regione Toscana per l'Elba daranno il giusto compenso
Mar Set 13, 2011 11:16 am Da Gimmi Ori

» Perchè il Sindaco ha fatto riempire i depositi e non il gestore Asa?
Lun Ago 15, 2011 6:32 pm Da Gimmi Ori

» CONTINUITA' TERRITORIALE,COSA FA' LA NOSTRA REGIONE PER NOI?
Ven Ago 12, 2011 11:08 pm Da Gimmi Ori

» LebarrierediMarchetti,mala bomba all'Elba è giàscoppiata,manca l'acqua
Ven Ago 12, 2011 7:32 pm Da Gimmi Ori

» Traghetti Elba,Toremar-Moby Onorato,Blunavy Morace,concorrenza?
Gio Ago 11, 2011 12:47 am Da Gimmi Ori

» Divide et impera,acqua all'Elba,ennesimo fallimento Regione Toscana!
Mer Ago 10, 2011 11:10 am Da Gimmi Ori

» Traghetti Elba: l'assistenza ai turisti al porto di Piombino
Mer Ago 03, 2011 3:03 pm Da Gimmi Ori

» Elba, domani 31.07.2011, non c'e posto sulle navi ?
Sab Lug 30, 2011 11:02 pm Da Gimmi Ori

» Alla Procura,Toremar:disposizioni dell'Antitrust frutto di una truffa?
Lun Lug 25, 2011 10:56 am Da Gimmi Ori

» Toremar,Antitrust:l'ennesimo successo della Regione Toscana e dell'APP
Dom Lug 24, 2011 9:34 pm Da Gimmi Ori

» Toremar-Moby: suggellato l'ennesimo successo della Regione Toscana!
Sab Lug 23, 2011 11:06 am Da Gimmi Ori

» CGIL-Sig.Salza,Monopolio Toremar-Moby e i rischi per i lavoratori
Mar Lug 19, 2011 3:11 pm Da Gimmi Ori

» Toremar: al Tar "sembra", tutto come previsto e torna l'Oglasa ....
Ven Lug 15, 2011 3:42 pm Da Gimmi Ori

» Toremar,esaltata la sinergia messa in campo dalla Regione,caroCeccobao
Gio Lug 14, 2011 3:20 pm Da Gimmi Ori

Settembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

Calendario Calendario

ELBA METEO
YOU TUBE
WIKIPEDIA
Sondaggio
counter

Politica regionale trasporti marittimi dal 2000, ma dove,in Campania!

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Politica regionale trasporti marittimi dal 2000, ma dove,in Campania!

Messaggio  Gimmi Ori il Lun Gen 24, 2011 3:43 pm

Nell'attesa che l'Antitrust comunichi la competenza sul bunker scomparso tra il Ministro Matteoli e l'Assessore Conti , dalle cronache degli ultimi giorni , anche giudiziarie , notiamo che , erano e sono , tutti impegnati nell'urbanistica fronte mare , " front water " , comunque consigliamo la lettura di una politica regionale sui trasporti anche marittimi dall'anno 2000 :

http://www.acam-campania.it/web/it/Una%20politica%20dei%20trasporti%20per%20la%20Regione%20Campania.pdf

UNA POLITICA DEI TRASPORTI PER LA REGIONE CAMPANIA
Dei programmi e delle iniziative dell’Assessorato ai Trasporti della Regione Campania dal
2000, dei risultati conseguiti, del ruolo del settore
Con la Legge 6 agosto 2008 n. 133 è stato ribadito che (1° comma dell’art. 57) “Le funzioni e i compiti di programmazione e di amministrazione relative ai servizi di cabotaggio marittimo di servizio pubblico che si svolgono all'interno di una regione sono esercitati dalla regione interessata.”
Del resto la regione Campania, nell’ambito della riforma del trasporto pubblico locale, di cui alla Legge Regionale n. 3 del 2002, ha individuato tra le funzioni proprie della Regione (art. 6, punto 1, comma c) “i compiti di programmazione…………e le funzioni
amministrative per reti, impianti e servizi marittimi”.
L’Assessorato ai Trasporti ha esercitato le funzioni previste dalla legge regionale ed è intervenuto a regolamentare il servizio marittimo nel golfo di Napoli, che fino al 2001 era stato assolutamente “libero” per quello che riguarda l’armatoria privata, e ha altresì dato
avvio ad un processo di coinvolgimento e consultazione delle Amministrazioni isolane.
Proprio attraverso apposita concertazione con i territori interessati nel 2001 sono stati individuati i servizi da considerarsi minimi, e coerentemente con le norme comunitarie vigenti, con una procedura esposta in più occasioni all’Autorità Garante della concorrenza
e dalla stessa condivisa, furono assegnati agli stessi operatori presenti nel Golfo, che da decenni li avevano effettuati.
Nel corso dell’anno 2002 fu redatto il primo quadro accosti dei servizi di collegamento marittimo di interesse regionale, quadro che venne recepito dalle Capitanerie di Porto attraverso apposite Ordinanze con le quali venivano disciplinati i turni di accosto, verificandone contestualmente il corretto rispetto ed applicando, ove necessario, le prescritte sanzioni . Detto Quadro ricomprendeva, naturalmente, anche i servizi effettuati
dalla Caremar S.p.A. secondo gli obblighi della Convenzione in essere con lo Stato.
Il Quadro complessivo dei servizi offerti era suddiviso tra Caremar ed armatori privati nella
misura rispettivamente del 30% e 70% e tali percentuali rilevano il rilevante contributo dell’armatoria privata alla produzione dei servizi essenziali che garantiscono al meglio la continuità territoriale.
Particolarmente significativa è stata l’introduzione unilaterale verso gli armatori privati di Obblighi di Servizio Pubblico, che fissano precisi obblighi ai quali gli armatori devono attenersi:
a) Obblighi di esercizio: Continuità, frequenza, regolarità, puntualità; riserva di posti,
almeno 80, per i residenti nelle isole e/o pendolari;
composizione dell’equipaggio della nave; livelli di pulizia/igiene a bordo; livello della informazione a terra e a bordo; rispetto della normativa in tema di sicurezza nella navigazione
b) Obblighi di trasporto: trasporto di persone e merci a condizioni determinate nel rispetto di specifiche caratteristiche per la singola corsa
c) Obblighi tariffari: tariffe imposte dalla Regione per residenti e/o pendolari
Tale imposizione di obblighi di servizio, concretizzata attraverso la sottoscrizione da parte
degli armatori di Atti di sottomissione, è avvenuta nonostante la inesistenza di alcun
vincolo di natura contrattuale, dal momento che il servizio reso non è compensato da alcun corrispettivo di esercizio, a costo zero per la collettività.
Gli unici collegamenti regolati da contratto di servizio sono:
1) n. 8 corse con unità veloci sulla direttrice Napoli – Capri, assegnate con procedura
di gara europea, con contratto a corrispettivo nullo, a seguito di decisione della
Comunità Europea di illegittimità dell’esercizio da parte della CAREMAR; tale servizio, essendo scaduto il precedente contratto, è stato recentemente rimesso a
gara sempre con procedura ad evidenza pubblica e sempre senza alcun corrispettivo economico;
2) n. 6 corse notturne sui collegamenti della terraferma (Napoli e Pozzuoli) con Ischia
e Procida per il trasporto di passeggeri e veicoli commerciali, introdotti su pressanti richieste del territorio e assegnate anche queste con gara europea, con un contratto di servizio triennale, che fissa il corrispettivo a 2.618.333, 00 €/anno, pari a 86,43 €/miglia.
Solo per fornire un dato conoscitivo il servizio offerto da CAREMAR su rotte analoghe e peraltro interamente diurno riceve un corrispettivo statale di 125,30 €/miglia (dati 2005) , ovverosia il 45% in più del corrispettivo regionale.

Comitato Elba Caro-Traghetti

Gimmi Ori

Messaggi : 285
Data d'iscrizione : 26.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum