CAMMINANDO.ORG
VIVERE L’AMBIENTE
TELETIRRENO ON LINE
teletirrenoelba news
Ultimi argomenti
» IL POLPO PALLA
Mar Ago 28, 2012 4:01 pm Da Visir

» 1 marzo 2012: la gita a Montecristo
Mer Mar 07, 2012 1:52 am Da Visir

» Giglio: la tragedia della Concordia e le AMP
Mer Feb 01, 2012 2:55 am Da Visir

» Derattizzazione, sopralluoghi ed altro: ritorno a Montecristo
Ven Gen 27, 2012 12:25 pm Da Visir

» Tirrenia-Toremar:indagine europea sul contributo per le isole italiane
Ven Ott 21, 2011 1:32 pm Da Gimmi Ori

» Progetto unico di smantellamento dell'Elba,parte prima: Sanità
Lun Ott 17, 2011 4:32 pm Da Gimmi Ori

» i successi della Regione Toscana per l'Elba daranno il giusto compenso
Mar Set 13, 2011 11:16 am Da Gimmi Ori

» Perchè il Sindaco ha fatto riempire i depositi e non il gestore Asa?
Lun Ago 15, 2011 6:32 pm Da Gimmi Ori

» CONTINUITA' TERRITORIALE,COSA FA' LA NOSTRA REGIONE PER NOI?
Ven Ago 12, 2011 11:08 pm Da Gimmi Ori

» LebarrierediMarchetti,mala bomba all'Elba è giàscoppiata,manca l'acqua
Ven Ago 12, 2011 7:32 pm Da Gimmi Ori

» Traghetti Elba,Toremar-Moby Onorato,Blunavy Morace,concorrenza?
Gio Ago 11, 2011 12:47 am Da Gimmi Ori

» Divide et impera,acqua all'Elba,ennesimo fallimento Regione Toscana!
Mer Ago 10, 2011 11:10 am Da Gimmi Ori

» Traghetti Elba: l'assistenza ai turisti al porto di Piombino
Mer Ago 03, 2011 3:03 pm Da Gimmi Ori

» Elba, domani 31.07.2011, non c'e posto sulle navi ?
Sab Lug 30, 2011 11:02 pm Da Gimmi Ori

» Alla Procura,Toremar:disposizioni dell'Antitrust frutto di una truffa?
Lun Lug 25, 2011 10:56 am Da Gimmi Ori

» Toremar,Antitrust:l'ennesimo successo della Regione Toscana e dell'APP
Dom Lug 24, 2011 9:34 pm Da Gimmi Ori

» Toremar-Moby: suggellato l'ennesimo successo della Regione Toscana!
Sab Lug 23, 2011 11:06 am Da Gimmi Ori

» CGIL-Sig.Salza,Monopolio Toremar-Moby e i rischi per i lavoratori
Mar Lug 19, 2011 3:11 pm Da Gimmi Ori

» Toremar: al Tar "sembra", tutto come previsto e torna l'Oglasa ....
Ven Lug 15, 2011 3:42 pm Da Gimmi Ori

» Toremar,esaltata la sinergia messa in campo dalla Regione,caroCeccobao
Gio Lug 14, 2011 3:20 pm Da Gimmi Ori

Mag 2017
LunMarMerGioVenSabDom
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

Calendario Calendario

ELBA METEO
YOU TUBE
WIKIPEDIA
Sondaggio
counter

Privatizzazione Toremar Sì,Privatizzazione Nuovi Cantieri Apuania No

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Privatizzazione Toremar Sì,Privatizzazione Nuovi Cantieri Apuania No

Messaggio  Gimmi Ori il Mer Gen 26, 2011 4:58 pm

Regione Toscana , privatizzazioni sì e no , Toremar sì , Nuovi Cantieri Apuania no , perché ? Al momento nessuna notizia delle sei navi nuove , Toremar o Moby ? Il Governo , in base a una legge del Governo Prodi deve cedere a un privato la partecipazione pubblica Invitalia nei Nuovi Cantieri Apuania . Chi pagherà il conto delle sei navi nuove , gli elbani di sicuro , i turisti si vedrà ! http://www.tempostretto.it/8/index.php?location=articolo&id_articolo=47789
24/01/2011
Trasporti sullo Stretto, ancora fermi i lavori per la nuova nave ferroviaria. Intanto va in pensione la "Rosalia": flotta pubblica al minimo storico
Ai Nuovi Cantieri Apuania, aggiudicatari della commessa di Rfi-Bluvia, si attende la firma di un accordo di programma. Il naviglio del Gruppo FS è ridotto all'osso ma ancora sufficiente, complici i tagli dei treni a lunga percorrenza
Si è tenuto nei giorni scorsi a Roma, presso il Ministero dello sviluppo economico, un incontro tra istituzioni locali, Regione Toscana e Governo, incentrato principalmente sulla situazione dei Nuovi Cantieri Apuania di Marina di Carrara (nella foto), aggiudicatari della commessa da 50 milioni di euro con cui Rfi intende realizzare una nuova nave ferroviaria da destinare al traghettamento sullo Stretto di Messina. Nel corso del vertice, durato più di sei ore, sono emerse alcune posizioni divergenti tra le parti in causa. Il Governo, infatti, ha palesato e messo per iscritto la volontà di dismissione delle quote di Invitalia, società pubblica proprietaria dei NCA, indicando la necessità di attivare un processo di riconversione che possa andare nella direzione di un partner privato. Gli enti locali, al contrario, hanno chiesto la continuità aziendale sotto l’ombrello pubblico al fine di garantire la permanenza del cantiere nella navalmeccanica.
Le intenzioni emerse in ambito ministeriale appaiono comunque chiare: il Governo assicurerà la prosecuzione delle attività per i prossimi due anni (ovvero fino al termine del lavoro affidato dalla società del Gruppo FS), ma alla fine il cantiere dovrà avere un partner privato (confermato il no di Fincantieri a far entrare i NCA nelle sue scuderie), che significherebbe una riconversione alla nautica. I riflettori sono adesso puntati sulla costruzione di un accordo di programma che, come precisato da Gianfranco Simoncini, assessore regionale alle attività produttive, “dovrà servire ai Nuovi cantieri Apuania per garantire l’avvio dei lavori della commessa vinta con le Ferrovie e per definire solide prospettive future per l’azienda”.

Una linea comune è stata adottata da parte di tutte le istituzioni territoriali: “Le amministrazioni locali e la Regione Toscana ritengono necessaria – si legge nel verbale dell’incontro al Ministero – la continuità aziendale dei NCA attraverso il perfezionamento della commessa da parte di Rfi in grado di garantire tale continuità per gli anni 2011 – 2012; in considerazione di questo le amministrazioni locali e regionali invitano il Ministero ed Invitalia a concludere rapidamente l’iter a favore dei NCA”. I tempi sono strettissimi: il nuovo protocollo d’intesa deve essere stipultato entro la fine di gennaio.
Come riportato dal portale Trasportisullostretto.it, ci vorrà ancora del tempo, dunque, per vedere in navigazione la nuova “quattro binari” di Rfi-Bluvia. Nel frattempo, dal 1° gennaio scorso, è andata in “pensione” la n/t “Rosalia”, classe 1972, alla quale sono scadute tutte le certificazioni. Incertezza anche sul fronte della n/t “Logudoro”, ancora ferma a Napoli per appositi interventi di trasformazione e riclassificazione (i lavori dovevano durare sei mesi, per un costo di 4 milioni di euro), che dopo la soppressione della “rotta sarda” (tra Civitavecchia e Golfo Aranci) da parte delle FS avrebbe dovuto rimpinguare il naviglio ferroviario sullo Stretto.
Flotta pubblica che, per altro, ha raggiunto il suo minimo storico da parecchi decenni a questa parte. Ma sia ben chiaro: le attuali navi (due in linea e una di riserva) sono più che sufficienti a garantire il trasporto di quei treni tra la Sicilia e il Continente ormai sempre di meno e sempre più vecchi.

Gimmi Ori

Messaggi : 285
Data d'iscrizione : 26.07.10

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum