CAMMINANDO.ORG
VIVERE L’AMBIENTE
TELETIRRENO ON LINE
teletirrenoelba news
Ultimi argomenti
» IL POLPO PALLA
Mar Ago 28, 2012 4:01 pm Da Visir

» 1 marzo 2012: la gita a Montecristo
Mer Mar 07, 2012 1:52 am Da Visir

» Giglio: la tragedia della Concordia e le AMP
Mer Feb 01, 2012 2:55 am Da Visir

» Derattizzazione, sopralluoghi ed altro: ritorno a Montecristo
Ven Gen 27, 2012 12:25 pm Da Visir

» Tirrenia-Toremar:indagine europea sul contributo per le isole italiane
Ven Ott 21, 2011 1:32 pm Da Gimmi Ori

» Progetto unico di smantellamento dell'Elba,parte prima: Sanità
Lun Ott 17, 2011 4:32 pm Da Gimmi Ori

» i successi della Regione Toscana per l'Elba daranno il giusto compenso
Mar Set 13, 2011 11:16 am Da Gimmi Ori

» Perchè il Sindaco ha fatto riempire i depositi e non il gestore Asa?
Lun Ago 15, 2011 6:32 pm Da Gimmi Ori

» CONTINUITA' TERRITORIALE,COSA FA' LA NOSTRA REGIONE PER NOI?
Ven Ago 12, 2011 11:08 pm Da Gimmi Ori

» LebarrierediMarchetti,mala bomba all'Elba è giàscoppiata,manca l'acqua
Ven Ago 12, 2011 7:32 pm Da Gimmi Ori

» Traghetti Elba,Toremar-Moby Onorato,Blunavy Morace,concorrenza?
Gio Ago 11, 2011 12:47 am Da Gimmi Ori

» Divide et impera,acqua all'Elba,ennesimo fallimento Regione Toscana!
Mer Ago 10, 2011 11:10 am Da Gimmi Ori

» Traghetti Elba: l'assistenza ai turisti al porto di Piombino
Mer Ago 03, 2011 3:03 pm Da Gimmi Ori

» Elba, domani 31.07.2011, non c'e posto sulle navi ?
Sab Lug 30, 2011 11:02 pm Da Gimmi Ori

» Alla Procura,Toremar:disposizioni dell'Antitrust frutto di una truffa?
Lun Lug 25, 2011 10:56 am Da Gimmi Ori

» Toremar,Antitrust:l'ennesimo successo della Regione Toscana e dell'APP
Dom Lug 24, 2011 9:34 pm Da Gimmi Ori

» Toremar-Moby: suggellato l'ennesimo successo della Regione Toscana!
Sab Lug 23, 2011 11:06 am Da Gimmi Ori

» CGIL-Sig.Salza,Monopolio Toremar-Moby e i rischi per i lavoratori
Mar Lug 19, 2011 3:11 pm Da Gimmi Ori

» Toremar: al Tar "sembra", tutto come previsto e torna l'Oglasa ....
Ven Lug 15, 2011 3:42 pm Da Gimmi Ori

» Toremar,esaltata la sinergia messa in campo dalla Regione,caroCeccobao
Gio Lug 14, 2011 3:20 pm Da Gimmi Ori

Mag 2017
LunMarMerGioVenSabDom
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

Calendario Calendario

ELBA METEO
YOU TUBE
WIKIPEDIA
Sondaggio
counter

Aumenti traghetti Sardegna2011,Elba dopo primi aumenti ancora letargo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Aumenti traghetti Sardegna2011,Elba dopo primi aumenti ancora letargo

Messaggio  Gimmi Ori il Gio Feb 24, 2011 4:44 pm

http://www.adessovela.com/index.php/2011/02/j24-addio-italiano-alla-maddalena/

Caro-traghetti: Salta l’Italiano J24 alla Maddalena
04/02/2011
DA SAILING SARDINIA
La notizia ci arriva dalla segreteria nazionale:
Cari amici,
con immenso rammarico e dispiacere vi comunico che oggi a Milano, nella
riunione del C.D. della classe j24, è stato deciso lo spostamento del prossimo
Campionato Nazionale da La Maddalena a Marina di Carrara (SP). Siamo arrivati a
questa sofferta decisione dopo aver tentato, in tutti i modi, ma inutilmente,
di ottenere una convenzione con la Mobylines. Purtroppo non sono bastati tre
lunghi mesi per stabilire un contatto con la Moby . Ancora una volta i Sardi
sono penalizzati dall’insularità: “isolani isolati” dovrebbe essere il nostro
motto!
L’assegnazione del Campionato Nazionale a La Maddalena era stato per me
motivo di grande orgoglio e il coronamento di un sogno per chi, come me, regata
da più di vent’anni su queste meravigliose barche. I progetti ed i preparativi
per questo evento lasciavano presagire una grande partecipazione, dovuta
sopratutto alle bellezze dell’Isola. Questo Campionato poteva scatenare il
grande rilancio della Classe. Sono veramente dispiaciuto e desolato, spero di
ritrovare al più presto nuovi stimoli per poter andare avanti.Cordiali saluti
Mariolino
Presidente J24 Italia
L’annullamento del Campionato Italiano J24 di Maddalena è la prima diretta conseguenza di un problema che coinvolge non solo i velisti, ma tutti noi sardi e non solo: l’aumento dei costi dei traghetti .
“Per venire a Maddalena per partecipare all’Italiano J24 il traghetto sarebbe costato 1200 Euro!” Esordisce così Mariolino Di Fraia, Presidente Nazionale di classe. Un costo proibitivo che ha portato al trasferimento dell’Italiano dalla Sardegna alla Toscana, precisamente a Marina di Carrara. Purtroppo, a causa di lungaggini burocratiche non si è riusciti a raggiungere in tempi ristretti un contatto coi vertici della Moby Lines e la classe si è vista costretta a ripiegare sulla Toscana. “Abbiamo ricevuto la documentazione il 31 gennaio, ma comunque la risposta di Vincenzo è stata di voler partecipare concedendo il 30% sia sulle tratte Moby che su quelle Enermar. ” Dicono da Moby Lines a conferma sia del ritardo nella comunicazione sia della sensibilità di Vincenzo Onorato per l’argomento vela-Sardegna.
Da questo scenario risulta evidente quanto ancora una volta la piccola vela, quella dei piccoli budget, ne esca sconfitta e la preoccupazione degli organizzatori è rivolta ai prossimi eventi. Qualche esempio? L’italiano Laser SB3 quest’anno ad Alghero, l’europeo J24 sempre a Maddalena nel 2012 e la Coppa Primavela a Cagliari nel 2012. Ma a quest’ultima dovrebbe pensarci mamma FIV…Tutto questo senza parlare di quanto verrà a costare una stagione agonistica di un qualunque velista sardo che fa quattro o cinque regate in Italia o all’estero.
E gli amici di Sailing Sardinia scrivono a Vincenzo Onorato:
Caro Vincenzo,
Ti scriviamo affinchè tu riesca a riportare a La Maddalena il Campionato Italiano J24 che sembra ormai destinato a disputarsi a Marina di Carrara.
Ti abbiamo visto fare un’importante scontistica sui tuoi traghetti per i velisti sardi; ti abbiamo visto sempre sensibile ai problemi dei velisti sardi; abbiamo visto il “nostro” Roberto Pardini al timone di uno dei tuoi Mascalzoni; soprattutto ti abbiamo visto regatare vittoriosamente a Miami con la “nostra” sponsorizzazione sul tuo RC44. Dunque non crediamo che tu possa essere insensibile al fatto che una regata importante (lo è almeno per noi) vada via dalla Sardegna.
Non crediamo che tu possa far finta di niente e, da uomo d’azione quale sei tu, siamo sicuri che non rimarrai con le mani in mano.

http://www.unionesarda.it/Articoli/Articolo.aspx?id=214469&paging=2

Caro-traghetti, turisti in calo del 25%
Disdette prenotazioni in hotel e camping
Contro il rincaro delle tariffe scende in campo la provincia di Cagliari, che annuncia: "Denunceremo le compagnie".

http://www.gsgonnesa.it/phpBB3/viewtopic.php?p=66666

Caro Traghetti, turismo a picco.
martedì 15 febbraio 2011, 14:18
CARLOFORTE.
Nell'Isola di San Pietro si teme la privatizzazione della Saremar. Gli albergatori: prenotazioni già in calo
Caro traghetti, a picco il turismo Pioggia di disdette a causa dell'impennata delle tariffe
L'aumento delle tariffe dei traghetti rischia di assestare un brutto colpo al turismo del Sulcis: gli albergatori denunciano la prima ondata di disdette e hanno chiesto l'intervento della Provincia.
La stagione non è ancora incominciata ma le disdette sì. Colpa del caro trasporti annunciato. Con le tariffe che promettono di aumentare dal 60 al 100 per cento frotte di vacanzieri si sono affrettati a disdire le prenotazioni per l'estate prossima ventura. È il quadro allarmante che emerge dai resoconti degli operatori turistici del Sulcis fatti in un recente incontro con il presidente della Provincia Tore Cherchi. Ne è scaturito un comunicato in cui la Provincia chiede “regole certe per salvare il trasporto pubblico” , visto che “il primo allarme arriva dagli operatori turistici del territorio provinciale, che assistono impotenti alla massiccia disdetta delle prenotazioni per l'estate”.
I RINCARI Questo sarebbe «il primo prodotto dell'iter di privatizzazione della Tirrenia attualmente in corso», sottolinea l'assessore provinciale ai Trasporti Guido Vacca. Con i trasporti per l'Isola in mano ai privati «se non si stabiliscono regole certe è scontato che le tariffe inevitabilmente aumentino, scoraggiando i turisti». Vacca poi aggiunge: «Nel nostro territorio, l'effetto dell'aumento delle tariffe è enormemente amplificato, considerato il pessimo collegamento esistente con l'aeroporto e con i porti dell'isola». Ma c'è anche un'altra componente: la privatizzazione dei trasporti marittimi rischia di avere gravi ripercussioni anche sui collegamenti con Carloforte, con il pericolo di mettere in crisi la capitale turistica del Sulcis.
LE DISDETTE Massimiliano Grosso, a capo di un'agenzia di servizi turistici di Sant'Antioco, è stato il primo a chiedere un incontro in Provincia e racconta: «Mi sono reso conto che le disdette per viaggi, alberghi e affitti case sono arrivate quasi al 50 per cento rispetto all'anno scorso; cercando di capire come mai, ho raccolto dati e testimonianze; tutto parte dal rincaro delle compagnie di navigazione: mediamente si arriva al 60 per cento di rincaro sui biglietti, con punte anche del 100 per cento». Due esempi: tratta Livorno-Olbia andata e ritorno; due adulti e due bambini con cuccetta ed auto; l'anno scorso (operatore Moby) 250 euro. Quest'anno: 1100 euro. Genova-Porto Torres andata e ritorno; auto e passeggero, cuccetta; l'anno scorso: 136 euro, la prenotazione quest'anno: 295 euro. Come ricorda l'assessore Guido Vacca, nella Provincia c'è anche un altro problema: «Se aggiungiamo il farraginoso e non ben motivato processo di privatizzazione della Saremar, che attualmente gestisce i trasporti marittimi per Carloforte, confermato anche dagli atti assunti dalla Regione in questi ultimi giorni (accelerazione sulla privatizzazione con quota di maggioranza ai privati), il quadro del trasporto pubblico nel Sulcis Iglesiente diventa veramente desolante».
ISOLE MINORI E sull'isola di San Pietro quali sono gli umori? Per ora pare che il turismo stia tenendo. Per Angelo Borghero del consorzio Arcobaleno-centro commerciale naturale «c'è un malessere generale ma per ora nessun dato negativo nel periodo luglio-agosto; ovviamente tutti chiedono prezzi calmierati e se dovesse arrivare una stangata anche sui traghetti ci sarebbe un tracollo ». Antonio Tusacciu (Hotel Hieracon) vicepresidente dell'associazione albergatori di Carloforte non ha dubbi: «Il calo si sente. A gennaio dell'anno scorso c'erano più richieste, oggi ci sono giorni in cui non si lavora; l'incontro con il presidente della Provincia è stato positivo, ma la situazione è critica». Per la Provincia «la Regione dovrebbe dedicare maggiore attenzione al settore dei trasporti scongiurando aumenti tanto ingiustificati quanto dannosi».

Gimmi Ori

Messaggi : 285
Data d'iscrizione : 26.07.10

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum