CAMMINANDO.ORG
VIVERE L’AMBIENTE
TELETIRRENO ON LINE
teletirrenoelba news
Ultimi argomenti
» IL POLPO PALLA
Mar Ago 28, 2012 4:01 pm Da Visir

» 1 marzo 2012: la gita a Montecristo
Mer Mar 07, 2012 1:52 am Da Visir

» Giglio: la tragedia della Concordia e le AMP
Mer Feb 01, 2012 2:55 am Da Visir

» Derattizzazione, sopralluoghi ed altro: ritorno a Montecristo
Ven Gen 27, 2012 12:25 pm Da Visir

» Tirrenia-Toremar:indagine europea sul contributo per le isole italiane
Ven Ott 21, 2011 1:32 pm Da Gimmi Ori

» Progetto unico di smantellamento dell'Elba,parte prima: Sanità
Lun Ott 17, 2011 4:32 pm Da Gimmi Ori

» i successi della Regione Toscana per l'Elba daranno il giusto compenso
Mar Set 13, 2011 11:16 am Da Gimmi Ori

» Perchè il Sindaco ha fatto riempire i depositi e non il gestore Asa?
Lun Ago 15, 2011 6:32 pm Da Gimmi Ori

» CONTINUITA' TERRITORIALE,COSA FA' LA NOSTRA REGIONE PER NOI?
Ven Ago 12, 2011 11:08 pm Da Gimmi Ori

» LebarrierediMarchetti,mala bomba all'Elba è giàscoppiata,manca l'acqua
Ven Ago 12, 2011 7:32 pm Da Gimmi Ori

» Traghetti Elba,Toremar-Moby Onorato,Blunavy Morace,concorrenza?
Gio Ago 11, 2011 12:47 am Da Gimmi Ori

» Divide et impera,acqua all'Elba,ennesimo fallimento Regione Toscana!
Mer Ago 10, 2011 11:10 am Da Gimmi Ori

» Traghetti Elba: l'assistenza ai turisti al porto di Piombino
Mer Ago 03, 2011 3:03 pm Da Gimmi Ori

» Elba, domani 31.07.2011, non c'e posto sulle navi ?
Sab Lug 30, 2011 11:02 pm Da Gimmi Ori

» Alla Procura,Toremar:disposizioni dell'Antitrust frutto di una truffa?
Lun Lug 25, 2011 10:56 am Da Gimmi Ori

» Toremar,Antitrust:l'ennesimo successo della Regione Toscana e dell'APP
Dom Lug 24, 2011 9:34 pm Da Gimmi Ori

» Toremar-Moby: suggellato l'ennesimo successo della Regione Toscana!
Sab Lug 23, 2011 11:06 am Da Gimmi Ori

» CGIL-Sig.Salza,Monopolio Toremar-Moby e i rischi per i lavoratori
Mar Lug 19, 2011 3:11 pm Da Gimmi Ori

» Toremar: al Tar "sembra", tutto come previsto e torna l'Oglasa ....
Ven Lug 15, 2011 3:42 pm Da Gimmi Ori

» Toremar,esaltata la sinergia messa in campo dalla Regione,caroCeccobao
Gio Lug 14, 2011 3:20 pm Da Gimmi Ori

Novembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

Calendario Calendario

ELBA METEO
YOU TUBE
WIKIPEDIA
Sondaggio
counter

TOREMAR : " OPERAZIONE VERITÀ SUI TRASPORTI IN TOSCANA "

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

TOREMAR : " OPERAZIONE VERITÀ SUI TRASPORTI IN TOSCANA "

Messaggio  Gimmi Ori il Mer Mar 02, 2011 12:19 am

Toremar : " OPERAZIONE VERITÀ SUI TRASPORTI IN TOSCANA " .
Il Comitato Elba Caro-Traghetti consiglia la lettura dell'articolo che viene da Grosseto del 27.11.2010 sui trasporti in Italia , in Toscana e all'Elba , c'e' anche la Toremar , le scelte politiche della Regione Toscana , i partiti politici , i sindacati e le direttive dell'Unione Europea :


http://www.pennabiro.it/il-problema-dei-trasporti-in-italia/ .

Si consiglia la lettura integrale comunque riportiamo qui di seguito le cose più significative in questo momento per l'Isola d'Elba .

Ciò dimostra e permette di affermare che le gare sono una scelta politica e non un obbligo, infatti l’assegnazione “in house” (senza gara) è permessa, almeno fino al 2018, e non solo dalla normativa italiana ma, come si vedrà in uno dei prossimi paragrafi, anche dalle direttive dell’Unione europea.
3. Le politiche della Regione Toscana, il ruolo dei sindacati
La scelta della Regione Toscana è dunque squisitamente politica: essa sceglie di liberalizzare e privatizzare il trasporto pubblico locale e di non tutelare la fascia debole della popolazione che maggiormente necessita dei servizi pubblici per la mobilità (anziani, studenti, lavoratori) che sarà esposta alle leggi del mercato e del profitto: traducendo, diminuzione di servizi attraverso la cosiddetta “razionalizzazione delle linee” e aumenti del costo dei biglietti e degli abbonamenti.
In tutta Italia queste scelte politiche sono sostenute da tutti gli schieramenti politici e purtroppo, a differenza del resto d’Europa, anche dalle organizzazioni sindacali.
In Toscana, le organizzazioni confederali dei sindacati, sposano in toto i progetti politici dell’amministrazione regionale e delle aziende
5. Lo spezzatino Tirrenia
Con la scusa di adeguarsi ai principi comunitari in materia di cabotaggio marittimo e di liberalizzazione delle relative rotte, la società di navigazione Tirrenia e la sua controllata Siremar vengono messe a gara per la privatizzazione; le altre controllate invece vengono trasferite a titolo gratuito da Tirrenia navigazione: la Caremar alla Regione Campania, la Saremar alla Regione Sardegna, la Toremar alla Regione Toscana. Le Regioni poi realizzeranno le privatizzazioni delle rispettive Società con l’affidamento dei servizi marittimi o con l’apertura del capitale ad un socio privato. Per dovere di cronaca, si ricorda che la Regione Sicilia ha respinto il piano per acquisire la Siremar e il commissariamento, anche di quello che rimane della capogruppo Tirrenia, ha bloccato la privatizzazione.
Il Gruppo Tirrenia SpA, controllato dalla Fintecna le cui azioni appartengono al Ministero dell’Economia e Finanze, effettua i servizi di collegamento marittimo con contributi pubblici, a garanzia della continuità territoriale tra le isole italiane ed il continente. Le popolazioni isolane si preoccupano quindi che con la privatizzazione questa continuità territoriale non venga più rispettata.
Oltretutto, l’Unione Europea non ha mai chiesto all’Italia di privatizzare la Tirrenia né tanto meno le società regionali del Gruppo. Infatti, il diritto comunitario riconosce pienamente la necessità, per gli Stati membri, di garantire la coesione territoriale, economica e sociale delle loro isole, permettendo agli stessi Stati membri di stipulare contratti di servizio pubblico e/o imporre degli oneri di servizio pubblico. Dunque l’Italia, a modo suo, ha interpretato l’attuazione del regolamento sul cabotaggio marittimo che in verità riguarderebbe unicamente la procedura di messa in concorrenza e non la privatizzazione della compagnia Tirrenia.
La procedura di privatizzazione è simile a quella attuata per “Alitalia” ma col rischio di risultati peggiori per qualità di servizio e tariffe; infatti la svendita delle società regionali e della Tirrenia potrebbe limitare i diritti fondamentali, sociali, economici ed occupazionali dei cittadini isolani. Il modello di gestione proposto dalle Regioni alla Caremar/Campania, Saremar/Sardegna ed alle isole Pontine/Lazio è quello di una società mista pubblico/privato; per la Toremar/Toscana invece si organizzerà direttamente una gara per una gestione al 100% privata. In tutti i casi l’utilizzo degli strumenti di gestione privatistici rafforzerà le posizioni già dominanti dei privati.
La decisione della Regione Toscana di privatizzare Toremar al 100% e di affidare al vincitore della gara la gestione del servizio per 12 anni ha scatenato vive preoccupazioni tra la popolazione delle Isole toscane e tra i marittimi della Toremar. Da qui un documento dell’Unione dei Comuni e la Conferenza dei Sindaci dell’arcipelago Toscano che, preoccupati per la privatizzazione totale, chiedono alla Regione di prendere in considerazione la costituzione di una società mista pubblico/privato; un documento della Provincia di Livorno chiede anch’esso una società mista che veda la presenza pubblica.
La situazione che sta vivendo la Toremar non è delle più belle: finanziamenti ridotti, posti di lavoro in bilico, rischio concreto del dimezzamento dei collegamenti; in poche parole meno soldi, meno linee e meno occupazione. Dunque, la privatizzazione avviene in un momento molto difficile e sarà un problema mantenere il servizio universale e la continuità territoriale con le isole toscane, e molto dolorose potrebbero essere le ricadute sui circa 200 marittimi, sia in termini occupazionali che salariali (infatti, di clausola sociale si parla soltanto ma nessuno crede veramente che sul bando di gara ci saranno iscritte le attuali garanzie per i lavoratori).
Così sembrano diventare miraggi le garanzie sul servizio, in primo luogo la sicurezza nella navigazione e negli attacchi, il mantenimento delle attuali rotte, gli orari legati alle necessità del territorio, l’introduzione delle corse notturne, le agevolazioni tariffarie per i residenti, i prezzi contenuti e sociali, una nuova flotta.
6. Cosa fare
I cittadini, i lavoratori devono alzare la testa, pretendere e rivendicare il mantenimento del carattere pubblico della mobilità, di opporsi alle politiche di mercato che tolgono il carattere sociale al trasporto pubblico locale e che stanno polverizzando e distruggendo lo storico trasporto delle Ferrovie dello Stato.
In Europa i lavoratori ed i cittadini, in particolare in Francia, Germania e Belgio, mantengono i loro salari ed i loro diritti semplicemente perché lottano ed hanno lottato contro le liberalizzazioni e le privatizzazioni.
In Italia le responsabilità sono della politica che non ha voluto tutelare (a vantaggio della grande finanza e industria) le proprie aziende e i settori di indubbia importanza strategica per l’intero Paese. Le responsabilità sono anche di gruppi di interesse, comprese le OO.SS., che non hanno saputo rispondere al nuovo, che non hanno compreso che la crisi dello stato sociale è connessa all’assenza di una politica per il Paese capace di imporsi sia in ambito nazionale che internazionale.
Di questo i lavoratori devono essere coscienti per invertire la rotta, farsi sostenitori e portatori di una politica di interesse nazionale, necessaria per risolvere i problemi del lavoro e delle condizioni di vita.
Grosseto, 27 novembre 2010

Gimmi Ori

Messaggi : 285
Data d'iscrizione : 26.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum