CAMMINANDO.ORG
VIVERE L’AMBIENTE
TELETIRRENO ON LINE
teletirrenoelba news
Ultimi argomenti
» IL POLPO PALLA
Mar Ago 28, 2012 4:01 pm Da Visir

» 1 marzo 2012: la gita a Montecristo
Mer Mar 07, 2012 1:52 am Da Visir

» Giglio: la tragedia della Concordia e le AMP
Mer Feb 01, 2012 2:55 am Da Visir

» Derattizzazione, sopralluoghi ed altro: ritorno a Montecristo
Ven Gen 27, 2012 12:25 pm Da Visir

» Tirrenia-Toremar:indagine europea sul contributo per le isole italiane
Ven Ott 21, 2011 1:32 pm Da Gimmi Ori

» Progetto unico di smantellamento dell'Elba,parte prima: Sanità
Lun Ott 17, 2011 4:32 pm Da Gimmi Ori

» i successi della Regione Toscana per l'Elba daranno il giusto compenso
Mar Set 13, 2011 11:16 am Da Gimmi Ori

» Perchè il Sindaco ha fatto riempire i depositi e non il gestore Asa?
Lun Ago 15, 2011 6:32 pm Da Gimmi Ori

» CONTINUITA' TERRITORIALE,COSA FA' LA NOSTRA REGIONE PER NOI?
Ven Ago 12, 2011 11:08 pm Da Gimmi Ori

» LebarrierediMarchetti,mala bomba all'Elba è giàscoppiata,manca l'acqua
Ven Ago 12, 2011 7:32 pm Da Gimmi Ori

» Traghetti Elba,Toremar-Moby Onorato,Blunavy Morace,concorrenza?
Gio Ago 11, 2011 12:47 am Da Gimmi Ori

» Divide et impera,acqua all'Elba,ennesimo fallimento Regione Toscana!
Mer Ago 10, 2011 11:10 am Da Gimmi Ori

» Traghetti Elba: l'assistenza ai turisti al porto di Piombino
Mer Ago 03, 2011 3:03 pm Da Gimmi Ori

» Elba, domani 31.07.2011, non c'e posto sulle navi ?
Sab Lug 30, 2011 11:02 pm Da Gimmi Ori

» Alla Procura,Toremar:disposizioni dell'Antitrust frutto di una truffa?
Lun Lug 25, 2011 10:56 am Da Gimmi Ori

» Toremar,Antitrust:l'ennesimo successo della Regione Toscana e dell'APP
Dom Lug 24, 2011 9:34 pm Da Gimmi Ori

» Toremar-Moby: suggellato l'ennesimo successo della Regione Toscana!
Sab Lug 23, 2011 11:06 am Da Gimmi Ori

» CGIL-Sig.Salza,Monopolio Toremar-Moby e i rischi per i lavoratori
Mar Lug 19, 2011 3:11 pm Da Gimmi Ori

» Toremar: al Tar "sembra", tutto come previsto e torna l'Oglasa ....
Ven Lug 15, 2011 3:42 pm Da Gimmi Ori

» Toremar,esaltata la sinergia messa in campo dalla Regione,caroCeccobao
Gio Lug 14, 2011 3:20 pm Da Gimmi Ori

Agosto 2017
LunMarMerGioVenSabDom
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

Calendario Calendario

ELBA METEO
YOU TUBE
WIKIPEDIA
Sondaggio
counter

ornitologia: piccoli migratori

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

ornitologia: piccoli migratori

Messaggio  Visir il Gio Ago 14, 2008 8:39 pm

in costruzione

_________________
Che cosa c'é da aspettarsi da chi come me non sa adeguarsi a sette, mafiette, etichette? Mi piace sapermi diverso, piacere perverso che riverso in versi su fogli sparsi, nei capoversi dei giorni persi nei miei rimorsi. Godo se penso all'amaro che mastica chi pronostica la fine della mia vitalità..
avatar
Visir
Admin

Messaggi : 323
Data d'iscrizione : 31.07.08
Età : 53
Località : Marina di Campo

Vedi il profilo dell'utente http://laltroparco.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Pettirosso

Messaggio  MikeCharlie il Sab Ago 16, 2008 5:59 pm


Nome Volgare Pettirosso
Nome Scentifico Erithacus rubecula
14 cm di lunghezza
un uccelletto paffuto, "senza collo", gli adulti hanno petto arancio e groppone bruno oliva,occhio molto grande e aspetto simpatico.
tutto questo però non deve ingannare, perchè con i suoi simili è molto litigioso e prepotente;molto territoriale, arriva sulla nostra Isola con le prime migrazioni di ottobre, per poi ripartire verso i primi di marzo.
Molto confidente con l'uomo.


Ultima modifica di MikeCharlie il Lun Ago 18, 2008 2:10 am, modificato 2 volte
avatar
MikeCharlie

Messaggi : 24
Data d'iscrizione : 16.08.08
Località : Marciana Marina

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Passera Scopaiola

Messaggio  MikeCharlie il Sab Ago 16, 2008 6:11 pm



Nome volgare: Passera Scopaiola
Nome Scientifico: Prunella modularis
14,5 cm di lunghezza
Poco evidente e senza caratteristiche particolari, il piumaggio marrone e grigio scuro ed il becco lungo nero e sottile sono gli unici segni per riconoscerla.
Anch'essa si presenta all'Elba con i primi freddi, ma negli ultimi anni (correggettemi se sbaglio) ho visto purtroppo una diminuzione di questi esemplari.
Il nome comune deriva dal fatto che il maschio, al momento del corteggiamento spazza con la coda sul terreno proprio come si fa con una comune scopa da cucina
Molto meno prepotente del Pettirosso, convive senza particolari problemi con i suoi simili.


Ultima modifica di MikeCharlie il Lun Ago 18, 2008 2:10 am, modificato 1 volta
avatar
MikeCharlie

Messaggi : 24
Data d'iscrizione : 16.08.08
Località : Marciana Marina

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Fringuello

Messaggio  MikeCharlie il Sab Ago 16, 2008 6:24 pm



Nome Volgare: Fringuello
Nome Scientifico: Fringilla coelebs
15 cm di lunghezza
Si riconosce a prima vista per le sue doppie barre bianche sulle ali, facilmente distingubili anche in volo. Il maschio marrone rosato, con groppone verdastro e testa blu lavagna, la femmina totalmente bruna, più chiara nel petto.
Questo migratore lo si può vedere con un pizzico di fortuna anche in estate sulla costa Nord Occidentale dell'Elba.


Ultima modifica di MikeCharlie il Lun Ago 18, 2008 2:11 am, modificato 1 volta
avatar
MikeCharlie

Messaggi : 24
Data d'iscrizione : 16.08.08
Località : Marciana Marina

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ornitologia: piccoli migratori

Messaggio  Visir il Sab Ago 16, 2008 7:42 pm

colgo l'occasione per un paio di commenti:
- per i miei gusti, i post di MikeCharlie sono semplicemente PERFETTI!!!
bellissime foto, e commenti con riferimento all'isola.

NOTA del 18/08: CHI HA FOTO ORIGINALI, BENISSIMO. ma anche se non originali, le foto come quelle messe da MC sono perfette. ricordate solo le norme di cortesia: se utilizzate foto reperibili on line di un sito generico o straniero non c'è bisogno (a meno che non meriti di essere segnalato perchè particolarmente bello) di citazione, se invece le prendete, chesso, dal sito di Legambiente o della Lipu o di Tizio, è bene aggiungere la fonte.

esattamente quello che penso sia interessante: sarebbe bellissimo se si mettesse insieme l'esperienza di chi ne sa di piu e la voglia di conoscere anche di chi magari non distingue un fagiano da un gabbiano..
grande MC!!
giusto per cercare il pelo nell'uovo, sarebbe molto utile, se chi posta è in grado di farlo, ovviamente, dare delle "dritte" sugli habitat e/o sui luoghi di più frequente incontro.
- il forum ha, nelle mie intenzioni, sia una funzione di archivio che una funzione di dialogo. questo post che state leggendo è un post di dialogo, e una volta esaurita la sua funzione sarebbe bene levarlo, per non appesantire.
quindi, i semplici commenti del tipo "bravo MC!" o simili, che pure sono fondamentali, verranno periodicamente eliminati. chiaro che se vi sembra una idae sbagliata, se ne parla!
- qualunque idea vi venga in mente, scrivetela. io ho, in poche ore, messo insieme alcuni topic, ma vi invito ad aprire tutti quelli che vi sembrano opportuni. ad esempio, qui si parla di piccoli migratori. io sono appassionato ma non esperto, e vorrei chiedere se è normale un passo di ritorno dei gruccioni già ai primi di agosto.
ma il gruccione, è "piccolo" o "medio"?? Very Happy
quindi, se MC o altri lo ritengono opportuno, possono aprire un topic piu adatto o dare altre indicazioni!
- ultima cosa: lascio il post iniziale, perchè credo possa venire buono piu avanti per farci un indice, in modo da trovare l'argomento che ci interessa senza far passare tutte le pagine.

ok, grazie a tutti! Very Happy Very Happy Very Happy


Ultima modifica di Visir il Lun Ago 18, 2008 1:29 pm, modificato 1 volta

_________________
Che cosa c'é da aspettarsi da chi come me non sa adeguarsi a sette, mafiette, etichette? Mi piace sapermi diverso, piacere perverso che riverso in versi su fogli sparsi, nei capoversi dei giorni persi nei miei rimorsi. Godo se penso all'amaro che mastica chi pronostica la fine della mia vitalità..
avatar
Visir
Admin

Messaggi : 323
Data d'iscrizione : 31.07.08
Età : 53
Località : Marina di Campo

Vedi il profilo dell'utente http://laltroparco.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Balestruccio

Messaggio  MikeCharlie il Mar Ago 19, 2008 3:25 pm



Nome Volgare: Balestruccio
Nome Scientifico: Delichon urbica
13-15 cm di lunghezza
Della stessa famiglia delle rondini dalla quale si distingue per le parti inferiori (gola, petto) e la parte posteriore del groppone che sono di un bianco splendente, che fa contrasto con il resto del corpo, che è di un nero lucido. La coda inoltre è meno biforcuta della rondine e poco più corta.
Arriva all'Elba nella seconda quindicina di marzo per ripartire ad ottobre, spesso dopo essersi raggruppata assieme ai suoi simili.
La possiamo trovare ovunque. E' molto conosciuta anche per i suoi nidi, che troppo spesso vengono distrutti dalla scarsa sensibilità dell'uomo a causa dello sterco dei piccoli che può cadere sulle facciate o sui terrazzi.
avatar
MikeCharlie

Messaggi : 24
Data d'iscrizione : 16.08.08
Località : Marciana Marina

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Rondine

Messaggio  MikeCharlie il Mar Ago 19, 2008 3:28 pm



Nome Volgare: Rondine Comune
Nome Scientifico: Hirundo rustica
19 cm di lunghezza
Caratterizzata da una striscia color ruggine sulla gola, e dal colore blu scuro del groppone, mentre il ventre si presenta di un bianco panna.Inoltre la coda è poco più lunga di quella del Balestruccio.
Arriva anch'essa all'Elba a Marzo, per poi migrare in Africa a ottobre.
Anche per la rondine si presentano gli stessi problemi di nidificazione del Balestruccio, questo ha causato nel corso degli ultimi anni un graduale declino di questa specie.
avatar
MikeCharlie

Messaggi : 24
Data d'iscrizione : 16.08.08
Località : Marciana Marina

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Rondone pallido

Messaggio  Greesp® il Mar Ago 19, 2008 3:58 pm



Nome comune: Rondone pallido
Nome scientifico: Apus pallidus

Fa parte di una delle principali specie italiane di rondone (rondone comune, rondone maggiore) e, anche se assomiglia ad una rondine, è filogeneticamente più vicino ai colibrì: entrambi infatti fanno parte dell'ordine degli apodiformi.
E' presente dalle nostre parti da marzo-aprile a novembre-dicembre. Molto simile al rondone comune, se ne differenzia per il colore del piumaggio. Il bordo delle penne presenta un contorno bianco che, nel complesso, dona all'animale una colorazione più "pallida", da cui il nome comune.
Un'altra differenza evidente con il r. comune è nel richiamo bi o tri-sillabico invece che monosillabico.

Ha una capacità di volo eccezionale e ciò si nota già dalla conformazione del corpo: è capace di cambi di direzione repentini ed evoluzioni mozzafiato.
avatar
Greesp®

Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 16.08.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ornitologia: piccoli migratori

Messaggio  Giorgio Paesani il Dom Ago 08, 2010 7:58 pm



Non potevo non aggiungere la Rondine rossiccia (Cecropis daurica), forse la maggiore "emergenza ornitologica" dell'Elba, e, se non fosse per il Gabbiano corso, anche dell'intero Arcipelago (almeno tra i nidificanti certi).
Molto simile alla Rondine comune (Hirundo rustica) la riconosciamo per l'assenza del sottogola rosso scuro, la nuca color mattone e il groppone rossiccio chiaro (a distanza col sole forte sembra quasi bianco). Inoltre, da sotto, si vede molto bene il sottocoda nero che non è presente in nessuna altra rondine italiana. Rispetto alla Rondine comune è meno legata agli ambienti antropizzati, anche se sfrutta i manufatti umani per nidificare (soprattutto ponti e terrazze), costruisce nidi di fango incollati "a volta" e a forma di pera. All'Elba ve ne resiste una popolazione piccola (10cp max da conteggio personale) ma stabile da molti decenni. Anzi, devo dire che l'Elba è uno dei pochi posti in Italia dove la si osserva di sicuro, da aprile a luglio almeno.
E' anche più "selvatica" e non gradisce che gli si fotografi il nido, per questo non scriverò DOVE nidifica all'Elba. Tanto le foto al nido non servono, sono brutte e scientificamente sono perfetta spazzatura! Questa l'ho fatta dalla strada provinciale nei pressi di Colle d'Orano, mentre ero sorvolato da sei adulti, nessun disturbo, una foto decente, una grande emozione, specie da "elbano".

Giorgio Paesani

Messaggi : 6
Data d'iscrizione : 25.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Codirosso (Phoenicurus phoenicurus)

Messaggio  Giorgio Paesani il Mar Ago 10, 2010 12:01 am



Il Codirosso è un migratore di lungo raggio, nel senso che sverna in Africa centro-meridionale, che da noi "transita" in aprile/maggio e in settembre. Il maschio, qui raffigurato (foto da me scattata a Cala di Nisportino lo scorso maggio) è un perfetto gioiellino volante. Strettamente insettivoro, e parente stretto (tanto da ibridarsi, ogni tanto) del Codirosso spazzacamino, che rappresenterò la prossima volta.
Il canto dei codirossi è qualcosa di allucinante, sembra un disturbo elettrico captato da una radio..mica tutti nascono usignoli! Potrebbe anche darsi che qualche coppia nidifichi nei boschi del massiccio del capanne, per cui cari elbani occidentali, buttateci un occhio ogni tanto!

Giorgio Paesani

Messaggi : 6
Data d'iscrizione : 25.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Codirosso spazzacamino (Phoenicurus ochruros)

Messaggio  Giorgio Paesani il Mer Ago 11, 2010 6:51 pm



Un codirosso tutto grigio fuliggine, con quantità variabili di nero su petto e guance (maschio) e bianco sulle ali (maschi, ma pure qualche femmina).
Arriva in gran numero all'Elba e su tutto l'arcipelago per svernare, sovrapponendosi solo brevemente al Codirosso comune, e lo si vede nei posti più disparati, qualche volta disperati come cantieri, vomiti di cemento sotto forma di residence ed altri obbrobri. A lui il cemento ricorda tanto le rocce delle montagne in cui nidifica, e gli insetti non mancano per cui.. Da noi compete col pettirosso, con cui a volte ingaggia battaglie aeree, specie quando il freddo e la fame costringono questi due insettivori a "invadere" il territorio di svernamento altrui. In condizioni normali al pettirosso competono macchie, giardini e margini dei boschi, allo spazzacamino tetti, vicinanze delle case e zone rocciose. Spesso molto confidente, a Pianosa, durante un campo di inanellamento, uno divenne tanto domestico da accettare il cibo dalle mani..ma non ci fu verso di catturarlo per inanellarlo!! Primula codarossa?? Probabilmente isole e coste per questa specie rappresentano l'ambiente di svernamento "elettivo", motivo in più per conservarle fruibili ai codirossi e agli esseri umani. Nella foto, fatta lo scorso gennaio, un maschio adulto.

Giorgio Paesani

Messaggi : 6
Data d'iscrizione : 25.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Pigliamosche (Muscicapa striata)

Messaggio  Giorgio Paesani il Mer Ago 11, 2010 7:30 pm



Il Pigliamosche è stato una presenza costante nelle mie lunghe estati elbane da bambino e ragazzetto; da "bambolo". E' ampiamente e uniformemente diffuso all'Elba e in tutto l'arcipelago, dove lo troviamo nei centri urbani, specie quelli "antichi" e nei giardini, ma anche sulle scogliere dove nidifica in situazioni a volte molto precarie. E' molto legato all'uomo che gli offre siti per la riproduzione e ottimi posatoi per la caccia (pali, fili, staccionate ecc.). Insettivoro, ma integra la sua dieta con massicce scorpacciate di bacche di Alaterno di cui va particolarmente ghiotto. Ancor più comune durante la migrazione post-riproduttiva, a settembre, durante la quale non è difficile vederne delle concentrazioni interessanti (fino a 13 su un filo della luce sul Monte Capannello nel 2009). Assolutamente anonimo, tutto grigio sopra e bianco sporco sotto, il suo canto è una serie di sibili acutissimi. Anonimo ma peculiare, visto che ha una strategia di muta completamente "invertita" rispetto a tutti gli altri passeriformi. Chissà poi perchè?
Nidifica molto spesso nei pressi o nelle abitazioni, dentro nicchie riparate delle origini più varie: lampade, vani contatore, camini, cassette della posta... A Nisportino, a casa mia, nidifica sulla stessa lampada esterna da almeno...25 anni...mamma mia come siamo vecchi!! Vero, lampada?
(foto mia, scattata sul Monte Perone nel maggio 2009)

Giorgio Paesani

Messaggi : 6
Data d'iscrizione : 25.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ornitologia: piccoli migratori

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum