CAMMINANDO.ORG
VIVERE L’AMBIENTE
TELETIRRENO ON LINE
teletirrenoelba news
Ultimi argomenti
» IL POLPO PALLA
Mar Ago 28, 2012 4:01 pm Da Visir

» 1 marzo 2012: la gita a Montecristo
Mer Mar 07, 2012 1:52 am Da Visir

» Giglio: la tragedia della Concordia e le AMP
Mer Feb 01, 2012 2:55 am Da Visir

» Derattizzazione, sopralluoghi ed altro: ritorno a Montecristo
Ven Gen 27, 2012 12:25 pm Da Visir

» Tirrenia-Toremar:indagine europea sul contributo per le isole italiane
Ven Ott 21, 2011 1:32 pm Da Gimmi Ori

» Progetto unico di smantellamento dell'Elba,parte prima: Sanità
Lun Ott 17, 2011 4:32 pm Da Gimmi Ori

» i successi della Regione Toscana per l'Elba daranno il giusto compenso
Mar Set 13, 2011 11:16 am Da Gimmi Ori

» Perchè il Sindaco ha fatto riempire i depositi e non il gestore Asa?
Lun Ago 15, 2011 6:32 pm Da Gimmi Ori

» CONTINUITA' TERRITORIALE,COSA FA' LA NOSTRA REGIONE PER NOI?
Ven Ago 12, 2011 11:08 pm Da Gimmi Ori

» LebarrierediMarchetti,mala bomba all'Elba è giàscoppiata,manca l'acqua
Ven Ago 12, 2011 7:32 pm Da Gimmi Ori

» Traghetti Elba,Toremar-Moby Onorato,Blunavy Morace,concorrenza?
Gio Ago 11, 2011 12:47 am Da Gimmi Ori

» Divide et impera,acqua all'Elba,ennesimo fallimento Regione Toscana!
Mer Ago 10, 2011 11:10 am Da Gimmi Ori

» Traghetti Elba: l'assistenza ai turisti al porto di Piombino
Mer Ago 03, 2011 3:03 pm Da Gimmi Ori

» Elba, domani 31.07.2011, non c'e posto sulle navi ?
Sab Lug 30, 2011 11:02 pm Da Gimmi Ori

» Alla Procura,Toremar:disposizioni dell'Antitrust frutto di una truffa?
Lun Lug 25, 2011 10:56 am Da Gimmi Ori

» Toremar,Antitrust:l'ennesimo successo della Regione Toscana e dell'APP
Dom Lug 24, 2011 9:34 pm Da Gimmi Ori

» Toremar-Moby: suggellato l'ennesimo successo della Regione Toscana!
Sab Lug 23, 2011 11:06 am Da Gimmi Ori

» CGIL-Sig.Salza,Monopolio Toremar-Moby e i rischi per i lavoratori
Mar Lug 19, 2011 3:11 pm Da Gimmi Ori

» Toremar: al Tar "sembra", tutto come previsto e torna l'Oglasa ....
Ven Lug 15, 2011 3:42 pm Da Gimmi Ori

» Toremar,esaltata la sinergia messa in campo dalla Regione,caroCeccobao
Gio Lug 14, 2011 3:20 pm Da Gimmi Ori

Gennaio 2017
LunMarMerGioVenSabDom
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

Calendario Calendario

ELBA METEO
YOU TUBE
WIKIPEDIA
Sondaggio
counter

Giglio: la tragedia della Concordia e le AMP

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Giglio: la tragedia della Concordia e le AMP

Messaggio  Visir il Lun Gen 23, 2012 1:42 am

La tragedia della Concordia e le Aree Marine Protette


Utilizzare la demagogia per fare propaganda politica è un antico vizio italico.
Ha cominciato il WWF, che dopo aver lanciato la surreale proposta di sterilizzare i cinghiali, e dopo essersi ben guardato dal porsi anche solo dei dubbi riguardo al quantomeno discutibile bombardamento aereo di tonnellate di ratticida su Montecristo, qualche giorno addietro tuonava contro il Sindaco gigliese Sergio Ortelli, reo, secondo gli esponenti del Panda, di aver bloccato l’avvento di quell’AMP che sarebbe stata segnalata con apposite boe”, “costituendo un elemento in più per prevenire quanto accaduto”.
Subito l’immancabile eco di Mario Tozzi, che dichiara all’agenzia Reuters: “L'attuale amministrazione comunale del Giglio ha rifiutato l'area marina protetta, che avrebbe potuto evitare l'incidente perché lì non ci si sarebbe potuti avvicinare a meno di un miglio”.
Buon ultimo, sul Tirreno di oggi, il naturalista Francesco Mezzatesta che in un lungo articolo, peraltro ricco anche di spunti interessanti e considerazioni condivisibili, non perde l’occasione per sostenere che “ se ci fosse stata l’area marina protetta l’incursione della Concordia verso costa non sarebbe stata possibile”

Mi sembra a questo punto necessario fare qualche precisazione.
La drammatica tragedia della Concordia non ha nulla a che vedere con le Aree Marine Protette.
E perfino il tanto censurato “inchino”, se inteso come semplice “saluto” fra una splendida località di mare e un’altrettanto splendida nave, col reciproco vantaggio di permettere ai crocieristi di ammirare la costa, e ai “terricoli” di godersi la maestosità di un capolavoro dell’ingegneria navale, non comportava in sé nessun tipo di rischio.

E’ però evidente che quella che può essere considerata una “distanza di sicurezza” per un gommone non può essere la stessa per un mastodonte da oltre 100.000 tonnellate: il “passaggio in navigazione turistica” andava fatto a velocità ridotta, e a non meno di 1000 metri dalla costa. La profondità sarebbe stata costantemente superiore ai 100 metri, la visibilità reciproca ugualmente ottima, le condizioni di sicurezza rispettate.

Purtroppo ci siamo ritrovati di fronte ad un vero episodio di follia collettiva: su di una plancia di comando dove ci sono almeno 3 o 4 persone di guardia, professionisti muniti delle più sofisticate strumentazioni, non deve essere possibile per nessun motivo che non ci si accorga di essere totalmente fuori rotta.

Ma è successo. Forse che un ipotetico divieto sarebbe stato più forte, come deterrente, di uno scoglio? Certamente no. Ma non solo: se al Giglio ci fosse stata l’Area Marina Protetta, non sarebbe cambiato niente, nemmeno a livello normativo.

Cominciamo dalle “boe di segnalazione”: a Pianosa, come a Montecristo, e nonostante viga un regime di tutela molto maggiore che in un’AMP, essendo vietato l’accesso a qualunque mezzo nautico, non ci sono né boe né altri segnali a delimitare l’area interdetta. Non solo, ma avendo personalmente e più volte sollecitato tale necessità in seno al Consiglio del Parco, pare che non ci siano obblighi al riguardo.

Dando poi uno sguardo alla cartina dell’AMP proposta dal Ministero nel 2008, anche senza parametri metrici precisi è abbastanza facile intuire che la massima estensione, tra l’altro della blanda “zona D”, avrebbe raggiunto giusto i mille metri ( e non il miglio di Tozzi) che il buon senso indicherebbe comunque come distanza minima, come detto, per una nave di quelle dimensioni.

E’ a questo punto che bisogna andare a dare un’occhiata alle normative: ancora una volta, le regole in vigore nelle AMP, così come sono, dimostrano la totale mancanza di efficacia e ancor più di logica.
Prendiamo infatti un Regolamento come quello dell’AMP “Regno di Nettuno”, istituita a Ischia e dintorni giusto a fine 2007 e quindi presumibilmente similare a quello che avremmo potuto avere al Giglio: “nelle Zone B, è consentita la navigazione, a velocità non superiore a 5 nodi, entro la distanza di 300 mt. dalla costa, e, a velocità non superiore a 10 nodi, entro la fascia di mare compresa fra i 300 e i 600 mt. di distanza dalla costa, sempre in assetto dislocante.”
Quindi: chi può “navigare” in zona B? Risposta: per “navigazione” si intende “il movimento via mare di qualsiasi costruzione destinata al trasporto per acqua”.

Costa Concordia compresa, con buona pace di chi spesso parla solo per sentito dire. Non a caso, la stessa Legambiente, che non definirei certo come “anti-AMP”, si è correttamente limitata a denunciare solo la carenza nelle norme, e soprattutto la loro inosservanza anche quando ci sono ed hanno senso, come il divieto di ancoraggio sulla Posidonia. E parla di “non demonizzare la crocieristica”

In buona sostanza, sarebbe forse ora di cominciare a pensare che la tutela del nostro mare e della sua naturale ricchezza di biodiversità è cosa ben diversa dal ginepraio di inutili pizzellacchere che caratterizzano le AMP, almeno come così maldestramente concepite.
Non servono gestori e autorizzatori dietro comode scrivanie: servono poche norme precise e sensate, e serve che si facciano davvero rispettare. Proibire la balneazione o inventarsi regolamenti farraginosi al solo fine di perder tempo a compilare moduli non ha alcun senso.
Impedire che navi “a rischio”percorrano determinate rotte su aree particolarmente sensibili, come richiesto per il canale di Pianosa, o stabilire quali siano le corrette distanze di sicurezza in funzione del tipo di nave può invece rivelarsi determinante per limitare il rischio di disastri.
Certo, niente e nessuno può impedire che la follia umana prenda il sopravvento. Fortunatamente, possiamo pensare e sperare che gli Schettino in circolazione siano finiti. Al contrario, le Capitanerie di Porto e la Guardia Costiera dispongono, come ha dimostrato il Capitano De Falco, di uomini competenti e capaci. Basterebbe metterli in condizione di poter operare in maniera efficace, sburocratizzando il lavoro degli uffici e fornendo i giusti mezzi nautici e tecnici.

Perché credo che tutto il mare, con pochi accorgimenti mirati, potrebbe e debba diventare un’immensa “area protetta”.

Yuri Tiberto
Consigliere Parco Nazionale Arcipelago Toscano



Ultima modifica di Visir il Mar Gen 31, 2012 4:19 pm, modificato 1 volta

_________________
Che cosa c'é da aspettarsi da chi come me non sa adeguarsi a sette, mafiette, etichette? Mi piace sapermi diverso, piacere perverso che riverso in versi su fogli sparsi, nei capoversi dei giorni persi nei miei rimorsi. Godo se penso all'amaro che mastica chi pronostica la fine della mia vitalità..

Visir
Admin

Messaggi : 323
Data d'iscrizione : 31.07.08
Età : 53
Località : Marina di Campo

Vedere il profilo dell'utente http://laltroparco.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giglio: la tragedia della Concordia e le AMP

Messaggio  Visir il Lun Gen 23, 2012 1:44 am

Questa è la cartina dell'AMP proposta dal Ministero nel 2008:


_________________
Che cosa c'é da aspettarsi da chi come me non sa adeguarsi a sette, mafiette, etichette? Mi piace sapermi diverso, piacere perverso che riverso in versi su fogli sparsi, nei capoversi dei giorni persi nei miei rimorsi. Godo se penso all'amaro che mastica chi pronostica la fine della mia vitalità..

Visir
Admin

Messaggi : 323
Data d'iscrizione : 31.07.08
Età : 53
Località : Marina di Campo

Vedere il profilo dell'utente http://laltroparco.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giglio: la tragedia della Concordia e le AMP

Messaggio  Visir il Lun Gen 23, 2012 1:47 am

Questo è invece il punto di impatto con la secca esterna degli isolotti noti come "le Scole":



_________________
Che cosa c'é da aspettarsi da chi come me non sa adeguarsi a sette, mafiette, etichette? Mi piace sapermi diverso, piacere perverso che riverso in versi su fogli sparsi, nei capoversi dei giorni persi nei miei rimorsi. Godo se penso all'amaro che mastica chi pronostica la fine della mia vitalità..

Visir
Admin

Messaggi : 323
Data d'iscrizione : 31.07.08
Età : 53
Località : Marina di Campo

Vedere il profilo dell'utente http://laltroparco.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giglio: la tragedia della Concordia e le AMP

Messaggio  Visir il Lun Gen 23, 2012 1:52 am



Questa è invece una banale carta nautica del Giglio. Pur essendo elaborata in modo del tutto artigianale, mostra (LINEA VERDE) quella che avrebbe potuto essere una "normale" rotta, a circa 1000 mt. di distanza dalla costa (LINEE ROSSE), che avrebbe consentito un "saluto" del tutto privo di rischi.

Nel riquadro in alto, un dettaglio della carta che mostra come sia evidente e ben segnalato il bassofondo subito fuori lo scoglio esterno.

_________________
Che cosa c'é da aspettarsi da chi come me non sa adeguarsi a sette, mafiette, etichette? Mi piace sapermi diverso, piacere perverso che riverso in versi su fogli sparsi, nei capoversi dei giorni persi nei miei rimorsi. Godo se penso all'amaro che mastica chi pronostica la fine della mia vitalità..

Visir
Admin

Messaggi : 323
Data d'iscrizione : 31.07.08
Età : 53
Località : Marina di Campo

Vedere il profilo dell'utente http://laltroparco.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giglio: la tragedia della Concordia e le AMP

Messaggio  Visir il Lun Gen 23, 2012 1:58 am

Come di consueto, i link a quanto detto:

http://www.wwf.it/client/ricerca.aspx?root=29940&content=1
http://it.notizie.yahoo.com/naufragio-giglio-rischi-ambiente-da-poca-lungimiranza-amministratori-085052725.html
http://www.greenreport.it/_new/index.php?page=default&id=14154

Per il Regolamento dell'AMP di Ischia:
http://blog.ischia.it/wp-content/uploads/2008/05/regolamento-regno-di-nettuno.pdf

_________________
Che cosa c'é da aspettarsi da chi come me non sa adeguarsi a sette, mafiette, etichette? Mi piace sapermi diverso, piacere perverso che riverso in versi su fogli sparsi, nei capoversi dei giorni persi nei miei rimorsi. Godo se penso all'amaro che mastica chi pronostica la fine della mia vitalità..

Visir
Admin

Messaggi : 323
Data d'iscrizione : 31.07.08
Età : 53
Località : Marina di Campo

Vedere il profilo dell'utente http://laltroparco.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giglio: la tragedia della Concordia e le AMP

Messaggio  Visir il Mer Feb 01, 2012 2:55 am

LE OSSERVAZIONI SOPRA RIPORTATE, DEBITAMENTE FIRMATE, SONO STATE INVIATE ALLA STAMPA LOCALE.
TEnews.it, Giglionews.it, Camminando.org ed Elbanotizie.it hanno pubblicato l'articolo.

IL TIRRENO, Greenreport.it ed Elbareport.it
HANNO CENSURATO IL PEZZO.


La cosa più triste, è che dopo aver CENSURATO uno scritto che non solo era espressione di libero pensiero, non solo era discretamente documentato, ma che pure proveniva da un rappresentante liberamente e legalmente eletto in un organo istituzionale che dovrebbe avere un certo peso, almeno in materia ambientale e nel proprio territorio di legittima influenza...

i responsabili dei summenzionati organi di DIS-informazione hanno perseverato nella loro opera di sciacallaggio mediatico, a volte perfino citando il mio nome (anche a sproposito), senza consentire nemmeno il diritto di replica - cosa che invece ha fatto il sito web Giglionews, con i risultati che vedremo... Very Happy - e arrivando perfino alla viltà finale di CENSURARE ulteriormente un mio post su Facebook... per poi sostanzialmente RIPROPORLO COME FOSSE FARINA DEL PROPRIO SACCO....

Quella che segue è la cronaca, nuda e cruda, dell'ennesimo episodio di mistificazione che i difensori dell'ambientalismo lobbista e del Pensiero Unico propinano ai tanti lettori che in buona fede credono ancora di ascoltare delle voci libere, guidate solo dalla difesa dell'ambiente.
cheers

_________________
Che cosa c'é da aspettarsi da chi come me non sa adeguarsi a sette, mafiette, etichette? Mi piace sapermi diverso, piacere perverso che riverso in versi su fogli sparsi, nei capoversi dei giorni persi nei miei rimorsi. Godo se penso all'amaro che mastica chi pronostica la fine della mia vitalità..

Visir
Admin

Messaggi : 323
Data d'iscrizione : 31.07.08
Età : 53
Località : Marina di Campo

Vedere il profilo dell'utente http://laltroparco.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giglio: la tragedia della Concordia e le AMP

Messaggio  Contenuto sponsorizzato Oggi a 12:08 pm


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum