CAMMINANDO.ORG
VIVERE L’AMBIENTE
TELETIRRENO ON LINE
teletirrenoelba news
Ultimi argomenti
» IL POLPO PALLA
Mar Ago 28, 2012 4:01 pm Da Visir

» 1 marzo 2012: la gita a Montecristo
Mer Mar 07, 2012 1:52 am Da Visir

» Giglio: la tragedia della Concordia e le AMP
Mer Feb 01, 2012 2:55 am Da Visir

» Derattizzazione, sopralluoghi ed altro: ritorno a Montecristo
Ven Gen 27, 2012 12:25 pm Da Visir

» Tirrenia-Toremar:indagine europea sul contributo per le isole italiane
Ven Ott 21, 2011 1:32 pm Da Gimmi Ori

» Progetto unico di smantellamento dell'Elba,parte prima: Sanità
Lun Ott 17, 2011 4:32 pm Da Gimmi Ori

» i successi della Regione Toscana per l'Elba daranno il giusto compenso
Mar Set 13, 2011 11:16 am Da Gimmi Ori

» Perchè il Sindaco ha fatto riempire i depositi e non il gestore Asa?
Lun Ago 15, 2011 6:32 pm Da Gimmi Ori

» CONTINUITA' TERRITORIALE,COSA FA' LA NOSTRA REGIONE PER NOI?
Ven Ago 12, 2011 11:08 pm Da Gimmi Ori

» LebarrierediMarchetti,mala bomba all'Elba è giàscoppiata,manca l'acqua
Ven Ago 12, 2011 7:32 pm Da Gimmi Ori

» Traghetti Elba,Toremar-Moby Onorato,Blunavy Morace,concorrenza?
Gio Ago 11, 2011 12:47 am Da Gimmi Ori

» Divide et impera,acqua all'Elba,ennesimo fallimento Regione Toscana!
Mer Ago 10, 2011 11:10 am Da Gimmi Ori

» Traghetti Elba: l'assistenza ai turisti al porto di Piombino
Mer Ago 03, 2011 3:03 pm Da Gimmi Ori

» Elba, domani 31.07.2011, non c'e posto sulle navi ?
Sab Lug 30, 2011 11:02 pm Da Gimmi Ori

» Alla Procura,Toremar:disposizioni dell'Antitrust frutto di una truffa?
Lun Lug 25, 2011 10:56 am Da Gimmi Ori

» Toremar,Antitrust:l'ennesimo successo della Regione Toscana e dell'APP
Dom Lug 24, 2011 9:34 pm Da Gimmi Ori

» Toremar-Moby: suggellato l'ennesimo successo della Regione Toscana!
Sab Lug 23, 2011 11:06 am Da Gimmi Ori

» CGIL-Sig.Salza,Monopolio Toremar-Moby e i rischi per i lavoratori
Mar Lug 19, 2011 3:11 pm Da Gimmi Ori

» Toremar: al Tar "sembra", tutto come previsto e torna l'Oglasa ....
Ven Lug 15, 2011 3:42 pm Da Gimmi Ori

» Toremar,esaltata la sinergia messa in campo dalla Regione,caroCeccobao
Gio Lug 14, 2011 3:20 pm Da Gimmi Ori

Settembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

Calendario Calendario

ELBA METEO
YOU TUBE
WIKIPEDIA
Sondaggio
counter

Derattizzazione, sopralluoghi ed altro: ritorno a Montecristo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Derattizzazione, sopralluoghi ed altro: ritorno a Montecristo

Messaggio  Visir il Ven Gen 27, 2012 12:14 pm

Con una lettera inviata al Presidente Banfi ieri mattina, e che verrà oggi diffusa alla stampa - forse, tanto quando si parla di ambiente vige un regime censorio degno del miglior Minculpop - ho ripreso alcuni argomenti affrontati nel luglio 2010 col Presidente Tozzi e rimasti in gran parte inevasi. Si aggiunge, inevitabilmente, il controverso argomento derattizzazione.


Marina di campo, 26.01.2012


Alla cortese attenzione del
Sig. Presidente Parco Nazionale Arcipelago Toscano
Angelo Banfi

OGGETTO: ISOLA DI MONTECRISTO

Egregio Sig. Presidente,
a luglio 2010, ho indirizzato al Presidente Tozzi una lettera contenente osservazioni e proposte circa l’Isola di Montecristo.

Mi permetto riproporla a Lei, “riveduta e corretta” in base agli sviluppi sopraggiunti.

SOPRALLUOGO ISTITUZIONALE:

La proposta di un sopralluogo istituzionale sull’Isola, a suo tempo approvata da Tozzi con la promessa che avrebbe provveduto ad invitare l’allora Ministro Prestigiacomo al termine dell’estate, purtroppo non concretizzatasi, è, mai come adesso, di estrema attualità.
I dubbi e le polemiche suscitate dalle modalità di attuazione del progetto Life+ “Montecristo 2010” possono e devono essere oggetto di discussione successiva ad una completa informazione basata su dati reali che non possono prescindere da una diretta osservazione in situ.

Infatti, se da una parte appare tranquillizzante l’elevatissima preparazione scientifica degli attori del progetto, è a mio parere necessario che un intervento di tale portata, indiscutibilmente invasivo, su di un territorio a tutela integrale, sia oggetto di un attento monitoraggio e di informazione mediatica corretta, documentata e soprattutto aggiornata. (A tale proposito, sarebbe anche auspicabile che fossero rese da subito disponibili sul nostro le relazioni inerenti gli interventi già effettuati, i risultati dei monitoraggi e le relazioni scientifiche disponibili).

Le chiedo pertanto di avviare immediatamente le pratiche necessarie al sopralluogo, invitando il Ministro, i componenti del Direttivo Pnat, la Dirigenza del CTA-CFS, il Presidente Barbetti e i membri della Comunità del Parco, con particolare riferimento al Sindaco Peria per competenza territoriale. Sarebbe altresì auspicabile la presenza degli assessori all’Ambiente e alla Cultura, una rappresentanza delle minoranze consiliari almeno del Comune di Portoferrio, delle Associazioni ambientaliste, animaliste e culturali locali, nonché, ovviamente, della Stampa locale e nazionale.

In tempi di crisi e ristrettezze economiche, è bene precisare che il costo dell’operazione sarebbe estremamente limitato (presumibilmente non più di 3.500€ ), e potrebbe essere ripartito tranquillamente fra gli Enti interessati o fra i singoli partecipanti: personalmente, dichiaro la mia totale disponibilità al pagamento diretto della mia quota-parte.

Oggetto di valutazione dovranno anche essere tutte le problematiche da me esposte nella precedente scrittura, e che riporto:

“le condizioni generali di tutta quella che il Piano del Parco prevede in zona B, e indicata come “la Villa dell’Isola di Montecristo”, sono semplicemente disastrose. Alberi di alto fusto abbattuti o pericolanti, ailanto ovunque, reimpianto sperimentale di Lecci che pare abbandonato a sé stesso, pini evidentemente malati, grave dissesto idrogeologico, strutture esistenti spoglie e malandate (Villa Reale), chiuse e pericolanti (Magazzino dei Pescatori), completamente fatiscenti (piccolo Museo).
Se lo status di Riserva Integrale, dove niente dev’essere “toccato”, ha buon senso di valere in quel 95% del territorio sostanzialmente “selvaggio” (non credo si possa onestamente dire “mai influenzato dall’Uomo), è viceversa evidente che quel piccolo angolino decisamente segnato dall’intervento umano debba urgentemente essere recuperato al suo valore storico e ambientale.

Dal sopralluogo, in conformità a quanto previsto al capitolo 4.2 del Piano del Parco - “..scelte e decisioni che competono alla pluralità dei soggetti interessati…”, “ dialogo interistituzionale e forme di partecipazione sociale”, “..strategia.. che lega trasversalmente le azioni di protezione a quelle di promozione” – dovrebbe uscire una relazione realistica della situazione, e dovrebbero scaturire le proposte per l’inizio immediato degli interventi di recupero, come previsto dal PDP al punto A7 “ Conservazione del patrimonio insediativo, storico e culturale, con interventi diversificati di manutenzione, recupero e restauro sui sistemi ed elementi di prioritario interesse per la gestione del Parco (quali le case reali….)”.

(Nel frattempo è stata approvata e finanziata la ristrutturazione del Museo: un piccolo passo avanti che però attende ancora di essere realizzato.)


REVISIONE DELLA “CARTA DI MONTECRISTO”.

Alcuni punti critici da me indicati sulla gestione delle visite all’isola sono stati risolti.
Un grazie alla disponibilità del personale Pnat e soprattutto del CFS di Follonica, che consentendo di raddoppiare le presenze contemporanee ha permesso quell’abbattimento di costi necessario a rivitalizzare le visite d’istruzione, importantissime per i nostri studenti.

Restano però sul tappeto alcune questioni:

- la “Carta di Montecristo” espressamente prevede il passaggio all’Ente Parco della gestione dell’Isola. Come fatto un anno e mezzo fa con Tozzi, Le chiedo a che punto siamo con “l’espletamento delle procedure previste per legge per il perfezionamento del passaggio di gestione”, e La invito a mettere in atto quanto in Suo potere per accelerare i tempi, ritenendo estremamente importante l’accentramento delle competenze presso il PNAT, fermo restando il ringraziamento per l’ottimo lavoro da sempre svolto dal CFS.
Il passaggio all’Ente Parco consentirebbe, inoltre, di applicare alle 600 visite autorizzate e ai cosiddetti “approdi”, un ticket anche contenuto (5/10 euro), come peraltro ipotizzato a suo tempo sia da Tozzi, che dal Consigliere Mazzantini, che dagli Assessori Regionali Bramerini e Scaletti, e col cui ricavato si potrebbe finanziare almeno parzialmente il risanamento di alcune delle gravi emergenze ambientali che affliggono attualmente l’Isola.

- le visite naturalistiche guidate riservate agli abitanti di Portoferraio, dell’Elba e dell’Arcipelago hanno mostrato, anche lo scorso anno, e nonostante le molte migliorie apportate, di risultare meno “appetibili” di quanto meriterebbero. Nella intera settimana riservata alle prenotazioni dei soli residenti a Portoferraio sono state registrate meno di 30 adesioni, e i 100 posti disponibili sono stati poi tutti utilizzati ma solo grazie al lodevole impegno di persone vicine al Pnat e appassionati che hanno “spinto” per il successo dell’iniziativa.
La futura regolamentazione dovrebbe perciò tenere conto di questa realtà, eliminando l’ormai superata necessità di privilegiare i Portoferraiesi - e un Sindaco promotore del Comune Unico non può che concordare – e, se del caso, non escludere che, una volta chiuso il periodo di prelazione riservato agli abitanti dell’Arcipelago, si possa ipotizzare di aggiudicare gli eventuali posti residui con una formula del tipo “invita un amico”: non sono pochi infatti i casi di residenti che rinunciano alla visita per l’impossibilità di farsi accompagnare da un fidanzato/parente/amico che magari vive di fatto qui, ma che non ha la residenza legale.

le visite riservate agli studenti sembra che per il 2012 siano ritornate ad avere la giusta considerazione. Restano però legate all’iniziativa dei singoli Istituti e dei singoli Docenti.
La conoscenza del territorio, della storia, dell’ambiente e della cultura locale, ancor più se si vive all’interno di un Parco Nazionale, credo siano alla base di un corretto percorso formativo per un giovane. L’opportunità di poter disporre di 300 permessi per accedere a un’isola unica ed esclusiva non deve per nessun motivo andare sprecata: ribadisco pertanto l’auspicio che si possa convocare un tavolo di concertazione con le competenti autorità scolastiche del territorio, affinché la visita a Montecristo diventi un appuntamento fisso annuale, a vantaggio di una determinata classe d’età, in modo da garantire che, almeno una volta, tutti i nostri ragazzi abbiano potuto vivere quest’esperienza davvero unica.

In conclusione, Sig. Presidente, vorrei ribadire anche la richiesta avanzata a suo tempo inerente la pubblicazione dei dati inerenti l’attuazione delle raccomandazioni espresse dal comitato dei ministri del CDE nel 2003 e nel 2008, anche considerando che troppo spesso si sente affermare che le 1000 visite annue non sono in alcun modo aumentabili, pena la perdita dell’ambito Diploma Europeo.

A quanto mi risulta, sarebbe invece tranquillamente possibile se solo cominciassimo davvero a darci da fare per “costituire un adeguato sistema di sorveglianza, mettere in sicurezza il porticciolo, organizzare uno staff competente atto a vigilare sui visitatori” (estratto dalla raccomandazione n°3 della risoluzione del comitato dei ministri del CDE n°13/2003).

Sappiamo bene che il nostro mandato è ormai in scadenza. Non sappiamo ancora se e quando avremo il nome del Suo successore, ma credo lo stesso importante fargli trovare per quanto possibile qualche elemento concreto su cui poter lavorare con serietà e serenità.

RingraziandoLa per l’attenzione, cordialmente,

Yuri Tiberto


_________________
Che cosa c'é da aspettarsi da chi come me non sa adeguarsi a sette, mafiette, etichette? Mi piace sapermi diverso, piacere perverso che riverso in versi su fogli sparsi, nei capoversi dei giorni persi nei miei rimorsi. Godo se penso all'amaro che mastica chi pronostica la fine della mia vitalità..
avatar
Visir
Admin

Messaggi : 323
Data d'iscrizione : 31.07.08
Età : 53
Località : Marina di Campo

Vedi il profilo dell'utente http://laltroparco.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Derattizzazione, sopralluoghi ed altro: ritorno a Montecristo

Messaggio  Visir il Ven Gen 27, 2012 12:25 pm

La proposta del 2010:
http://laltroparco.forumattivo.com/t211-una-proposta-per-montecristo

le buone notizie:
- la ristrutturazione del museo è stata finanziata, e dovrebbe si spera partire a breve;
- la proposta di accorpare 100 persone anziché 50 è stata accolta, consentendo un discreto risparmio interamente rigirato a favore delle visite scolastiche, che quest'anno pare si torneranno a svolgere;
- il “corso” obbligatorio è stato abolito, e come suggerito sostituito dall'informazione a bordo.

La visita si è svolta regolarmente, nel mese di ottobre (come suggerito, in date adatte agli elbani), e tutti i posti sono stati utilizzati.
Very Happy

_________________
Che cosa c'é da aspettarsi da chi come me non sa adeguarsi a sette, mafiette, etichette? Mi piace sapermi diverso, piacere perverso che riverso in versi su fogli sparsi, nei capoversi dei giorni persi nei miei rimorsi. Godo se penso all'amaro che mastica chi pronostica la fine della mia vitalità..
avatar
Visir
Admin

Messaggi : 323
Data d'iscrizione : 31.07.08
Età : 53
Località : Marina di Campo

Vedi il profilo dell'utente http://laltroparco.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum